Il barone rampante: i personaggi

Appunto inviato da sarastor
/5

L' analisi e la desacrizione dei personaggi dell'opera di Italo Calvino: "Il barone rampante" (2 pagine formato doc)

Il racconto attraversa tutta l’esistenza del barone Cosimo Piovasco di Rondò, primogenito di una famiglia nobile «momentaneamente» decaduta.
Il fatto principale è rappresentato da un futile litigio avvenuto il 15 giugno 1767 nella tenuta di Ombrosa, immaginario paesino della riviera Ligure, tra Cosimo adolescente e suo padre, dopo il quale Cosimo salirà sugli alberi del giardino di casa per non scenderne mai più. COSIMO: forte, testardo, introverso e scontroso ma onesto e dotato di forza di volontà, fatto che gli consente di non venire mai meno ai propri ideali. Mantiene una normale vita di relazione, prosegue gli studi, impara a cacciare, consolida amicizie e segue la vita di famiglia.
Ciò contribuisce sensibilmente a renderlo strano ma anche affascinante agli occhi della società. La sua fama si diffonde con rapidità e toni impensabili per l’epoca d’ambientazione del racconto. Se all’inizio Cosimo diviene famoso come fenomeno da baraccone e la sua famiglia quasi se ne vergogna, in seguito interagisce anche con personaggi come Diderot, Rousseau, Napoleone e lo Zar di Russia, stratagemma che Calvino usa probabilmente per conferire dignità e importanza ad un personaggio in parte autobiografico. Cosimo scrive anche un "Progetto di Costituzione di uno Stato ideale fondato sugli alberi", opera che contribuisce alla fama e al rispetto. Cosimo