Contesto storico del periodo romanico

Appunto inviato da pata
/5

Appunti sul contesto storico del periodo romanico.(Documento Word, 2 pag.) (0 pagine formato doc)

STORIA DELL'ARCHITETTURA STORIA DELL'ARCHITETTURA La storia si divide in due grandi periodi: medioevo e età moderna Il Medioevo inizia con la caduta dell'impero romano e finisce con la scoperta dell'America; l'Età moderna invece arriva fino ai giorni nostri( gli ultimi 50 anni sono anni contemporanei).
Divisione della storia: 476 ( V sec.) : Longobardi, Carlo Magno, Ottomano (discendente di Carlo Magno) 999 ( X, XI sec.) : Romanico 1150-1250 : Gotico primitivo ( ascesa) 1250-1400 : Tardo Gotico 1400 ( XV sec. ) : Umanesimo 1527 : Manierismo 1600 : Barocco ESEMPI DI ROMANICO: abbazia di Civate, battistero in tardo romanico a Gravedona, S.Ambrogio a Milano, S.Abbondio a Como. CONTESTO STORICO DEL PERIODO ROMANICO- CAROLINGIO L'organizzazione politica era legata al feudalesimo e vede in cima alla scala gerarchica Carlo Magno.
Il sistema feudale consiste un patto tra il sovrano e i suoi collaboratori i quali ricevano terre in usufrutto, e in cambio pagano delle tasse e si impegnano con un patto di fedeltà verso il signore, di resistenza armata. Questi collaboratori erano i Vassalli, i quali a loro volta avevano dei sottoposti che li aiutavano a governare, che gli dovevano ubbidienza e fedeltà. La scala gerarchica partiva dal servo della gleba , che era legato alla terra per tutta la vita così come i suoi figli. Dopo la morte di Carlo Magno, il sistema entra in crisi e trent'anni dopo nel'844, cominciò a suddivirsi le varie nazioni europee: Francia e Germania acquisirono un po' di autonomia, mentre gli Arabi, i Normanni e gli Ungheresi, iniziano le invasioni. Gli Arabi si impadronirono della fascia sud dell'Europa (Sicilia, Spagna,..). dal questo momento iniziano i problemi nel commercio , prima le vie marittime poi anche quelle su terra. Il Mediterraneo , sempre al centro dei commerci dell'Europa, con le invasioni barbariche entra in un periodo di crisi quindi il baricentro si sposta più a nord, nel regno di Carlo Magno, tanto che l'attrazione per il sud Europa diviene critica , decadono i commerci, ecc. Dopo l'anno 1000 si riprendono progressivamente i commerci, gli spostamenti , grazie anche alle crociate che muovevano un ingente numero di cristiani, verso la liberazione del Santo Sepolcro, ma anche perché significava la respinta degli Arabi nei loro territori. Nel 1100 riiniziano i commerci, in agricoltura inizia lo sviluppo: attrezzi più sofisticati, rotazione delle colture, uso dei concimi che aumenta la produzione e nella stessa misura lo scambio con le città. Importante è stato l'avvento di ordini monastici come S. Benedetto da Norcia che aveva posto come regola per i suoi monaci: “ORA ET LABORA”, non dedicare tutto il tuo tempo alla meditazione ma mantieniti anche. Tutto ciò porta agli ordini a dedicarsi all'agricoltura: il monastero era l'unico centro di vita. Tutti i monasteri hanno trasmesso delle conoscenze antiche, ma hanno anche tradotto testi greci e latini. I monaci hanno anche iniziato a conoscere la natura : la natura è