Espressionismo: caratteristiche

Appunto inviato da debor88
/5

Riassunto e caratteristiche principali dell'Espressionismo e suoi maggiori esponenti: Matisse, Kirchner e Munch (2 pagine formato doc)

ESPRESSIONISMO: CARATTERISTICHE

Espressionismo: 1905-1925, germania.

dopo l’impressionismo che vedeva l’arte come rappresentazione, arriva l’espressionismo che vede l’arte come azione. L'Espressionismo è una corrente artistica forte ed intensa che nasce  attorno al 1905, in Francia con i Fauves, le belve, e in Germania con il gruppo Die Brücke, il ponte. Il termine raccoglie diverse tendenze culturali che ebbero luogo in Europa in vari settori artistici.
Non solo arti figurative dunque, ma anche letteratura, musica, teatro, scenografia ed architettura furono coinvolti nella tendenza espressionista. Traendo spunto dai presupposti maturati dall'impressionismo, tale corrente artistica puntualizzò che nell'atto del dipingere non si trasferiscono nell'opera solo i dati assunti dalla propria percezione, ma anche e soprattutto il modo di interpretare la realtà da parte dell'artista, poiché ciò che si vede è comunque sempre filtrato dall'animo dell'autore dell'opera. Si vuol superare dell'impressionismo il carattere sensorio e si può affermare che una comune tendenza anti-impressionista caratterizzò i due movimenti. L'esperienza emozionale, ma anche quella spirituale della realtà è quindi un elemento fondante che si esprime attraverso una forte accentuazione cromatica e forte incisività del segno.

Munch e l'Espressionismo: riassunto

ESPRESSIONISMO ARTE RIASSUNTO

L'Espressionismo tedesco, utilizzerà l'immagine anche come forma di denuncia politica e sociale. Spesso soggetti prediletti sono persone della strada, emarginati.
Per i Fauves, il vero protagonista dell'immagine è il colore che, distribuito con pennellate grosse e ben evidenti a tinte fortemente contrastanti,  ritma la composizione del quadro. Generalmente non si tende più alla rappresentazione illusoria della profondità delle immagini (nei dipinti dei Fauves sono assenti gradazioni di colore e sfumature per creare effetti di chiaroscuro e di volume) e ci si ispira all'arte primitiva, ritenuta più veraspontanea e istintiva. I Fauves, che non hanno un programma ben definito, ebbero come principale esponente Matisse.

ESPRESSIONISMO FRANCESE: MATISSE

HENRI MATISSE: 1869-1954: pittore, scultore ed incisore.Egli, pur appartenendo al gruppo nello stesso tempo si distinse per l'avere sviluppato  una ricerca espressiva propria e ampiamente originale, imponendosi con una personalità artistica unica. Intorno ai primi del 1900 si allontanerà dalle iniziali tendenze realiste e dagli influssi impressionisti per pervenire alla sua personale ricerca di espressività. Il senso del movimento, le tinte forti cominciano quindi a contraddistinguere le sue composizioni. Mirava ad una pittura che esprimesse serenità attraverso la "semplificazione delle idee e delle forme".
La stanza rossa: 1908, olio su tela. San Pietroburgo, Ermitage.al colore dato per strisce e chiazze si sono sostituite la  grande superficie di colore pieno e la bidimensionalità decorativa. I colori rosso, giallo e blu sn le tinte dominanti. La costituzione prospettica è annullata.