L'apparato scheletrico

Appunto inviato da silvia85
/5

Tutto sull'apparato scheletrico. (3 pag - formato word) (0 pagine formato doc)

L'APPARATO SCHELETRICO L'APPARATO SCHELETRICO L'apparato scheletrico è composto dall'unione di tessuti diversi che sviluppandosi danno forma a strutture particolari chiamate ossa.
Le ossa, che nel loro insieme formano lo scheletro, costituiscono l'impalcatura del corpo umano garantendone il sostegno; inoltre proteggono le parti molli e rendono possibile, in collaborazione con i muscoli e le articolazioni, il movimento. Perciò lo scheletro è l'apparato che serve al sostegno, alla difesa e al movimento del corpo umano. Le comunità di cellule (tessuti) che compongono questo apparato sono: il tessuto osseo, il tessuto cartilagineo e il midollo osseo. Tessuto osseo.
È formato da un particolare materiale chiamato sostanza fondamentale, a cui sono mescolate le cellule ossee. La sostanza fondamentale ha colore bianco-giallastro ed è costituita, nell'adulto, da sostanze e sali minerali per il 55%, acqua per il 17% e osseina per il 28%. L'osso deve la sua rigidità ai sali minerali e la sua elasticità all'osseina. Le cellule ossee hanno dimensioni molto ridotte, forma simile a noccioli di prugna e sono dotate di sottili e lunghi prolungamenti che penetrano nella dura sostanza fondamentale nella quale sono immerse. Tramite questi sottili prolungamenti comunicano tra loro e in particolare con altri piccoli canali nei quali circola il sangue da cui prelevano le sostanze per nutrirsi. Queste cellule si riproducono e muoiono continuamente, permettendo il lento accrescimento e la rigenerazione del tessuto osseo. Nell'età giovanile la quantità di osseina è maggiore di quella dei sali minerali: per questa ragione le ossa sono molto flessibili e resistenti all'urto. Ma si dovrà prestare particolare attenzione per non deformare l'ossatura sotto carichi esagerati o con la permanenza prolungata in posizioni scorrette. Nell'età adulta invece predominano i sali minerali; per questo le ossa sono meno flessibili e meno resistenti. Con l'aumento dei sali minerali aumenta il peso delle ossa. Infatti i ragazzi hanno un galleggiamento notevolmente migliore degli adulti negli sport d'acqua, dovuto in particolare alla leggerezza della loro ossatura. Tessuto cartilagineo. È la parte terminale delle ossa, in particolare nella zona di contatto delle articolazioni, ed è formato da fibre disposte a rete tra le quali sono imbrigliate le cellule cartilaginee che conferiscono all'articolazione l'aspetto liscio e lucente. Midollo osseo. È formato da una sostanza molle racchiusa nella parte più interna delle ossa di una certa dimensione. Il midollo osseo ha il compito importantissimo di creare continuamente parte delle sostanze che compongono il sangue, precisamente i globuli rossi e alcuni tipi di globuli bianchi. Le ossa. Le ossa si dividono, a seconda della loro forma e dimensione, in: - ossa lunghe, quando sono sviluppate maggiormente nel senso della lunghezza (per esempio, le ossa della gamba); - ossa corte, quando sono sviluppate quasi ugualmente in lunghezza e in larghezza (per es