Celiachia

Appunto inviato da paolyno
/5

Che cos'è la celiachia: diffusione, sintomi, motivazioni genetiche, cura.(3 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

CELIACHIA CELIACHIA Che cos'è la celiachia? La celiachia consiste in un'intolleranza alimentare permanente al glutine, una proteina contenuta in alimenti come il frumento, la segale, l'avena e l'orzo.
Nelle persone affette da celiachia questi alimenti provocano una reazione auto-immunitaria che danneggia gravemente la mucosa dell'intestino tenue, che normalmente permette l'assorbimento delle sostanze nutritive. Il danno immunitario provoca “l'appiattimento” (atrofia) dei villi intestinali, cioè delle minuscole "pieghe" della mucosa che servono a favorire l'assorbimento delle sostanze nutritive La celiachia è una malattia estremamente diffusa: a secondo delle stime, la sua frequenza nella popolazione va da 1 caso su 120 a 1 caso su 250. Alto è anche il numero di persone affette ma non diagnosticate perché presentano sintomi atipici e difficilmente riconoscibili: si calcola per che, attualmente, per ogni paziente diagnosticato circa 5 sfuggano alla diagnosi.
Si tratta di un problema importante, dato che se non si instaura una dieta priva di glutine, la celiachia può portare a complicanze anche gravi, che vedremo in seguito. Quali sono i sintomi della celiachia? Nei bambini piccoli la celiachia si manifesta prevalentemente con sintomi intestinali: diarrea cronica, vomito, inappetenza, gonfiore addominale e steatorrea (perdita di grassi con le feci). Il malassorbimento intestinale può portare inoltre alla carenza di elementi importanti, come il ferro, e di vitamine. Nei bambini questo provoca uno stato di malnutrizione, rallentamento della crescita e ad anemia. I sintomi non compaiono finché il bambino non inizia a mangiare cibi contenenti glutine, e regrediscono se viene instaurata una dieta priva di glutine. Negli adulti, o nei bambini più grandi, la malattia tende a presentarsi con sintomi meno tipici. Debolezza muscolare, dolori ossei, tendenza alle fratture, alterazioni cutanee, afte, anemia, sono alcuni dei sintomi che possono manifestarsi. Questi sintomi extraintestinali sono comuni a molte altre patologie, e anche per questo la celiachia (se non si presenta con i sintomi tipici intestinali) spesso sfugge alla diagnosi. Anche l'artrite, l'epatite cronica e l'epilessia con calcificazioni occipitali bilaterali sono state descritte come manifestazioni di esordio della malattia. Un altro sintomo extraintestinale è la dermatite erpetiforme, una manifestazione cutanea che si presenta con pustole rosse e prurito, solitamente ai gomiti, ginocchia, glutei e tronco. La dermatite erpetiforme può anche presentarsi come unico sintomo, e le ricerche recenti mostrano che la maggior parte delle persone affette da dermatite erpetiforme presentano appiattimento dei villi intestinali. Come gli altri sintomi della celiachia, la dermatite erpetiforme regredisce dopo l'eliminazione del glutine dalla dieta. Infine, più della metà delle donne affette da celiachia soffrono di disturbi del concepimento e della riproduzione, come ritardo dello sviluppo pube