Geologia e geomorfologia delle prealpi venete

Appunto inviato da simoturtle
/5

Relazione sulla geologia e geomorfologia delle Alpi e delle Prealpi con alcuni cenni sui processi che caratterizzano la formazione delle rocce. (3 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA DELLE PREALPI VENETE GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA DELLE PREALPI VENETE Gli studiosi differenziano la geologia e la geomorfologia: la geologia è la scienza che studia l'origine, la costituzione, la struttura e la storia della Terra e degli organismi che la popolano; la geomorfologia invece è la scienza che studia la configurazione della superficie terrestre e i vari fenomeni che la modificano.
Le prealpi venete: -Monti Lessini -Altopiano di Asiago -Massiccio del Grappa -Prealpi Bellunesi -Cansiglio, Cavallo Le carte tematiche geologiche mettono in evidenza, con diverse colorazioni, i tipi di rocce che affiorano sulla superficie terrestre: è facile pensare che rocce che si assomigliano per composizione e struttura abbiano avuto la stessa origine, e si trovassero vicine al momento della formazione. Se ora invece si trovano lontane e separate da altri blocchi o strati di roccia è possibile immaginare i processi e i movimenti terrestri che li hanno separati.
Le rocce sono aggregati di vari minerali e prendono il nome a seconda delle particolari condizioni in cui si formano. Possiamo classificare le rocce in 3 categorie per origine ed evoluzione diverse: -rocce magmatiche -rocce metamorfiche -rocce sedimentariche Le rocce magmatiche o ignee derivano dal raffreddamento e dal conseguente consolidamento del magma; se il magma si raffredda lentamente nelle profondità della Terra, si formano cristalli evidenti, come nel granito che è molto diffuso e si presenta in una vasta gamma di colori che vanno dal bianco, al rosa al rosso cupo. Se il materiale si raffredda invece velocemente, si forma una roccia a grana finissima. Esempi tipici sono il Basalto, l'Ossidiana e la Pomice. Le rocce metamorfiche sono rocce già consolidate che in seguito ad un evento geologico si stressano o per calore o per forte compressione; si possono mostrare con una serie di strati sovrapposti. Le rocce sedimentarie si formano dopo una fase di: erosione, meccanica o alterazione chimica; trasporto (da parte dei fiumi , ghiacciai o dal vento); deposito (chimico, meccanico o misto) nel quale tutti i detriti si cementano tra loro. Un particolare tipo di roccia sedimentaria è rappresentato dalle rocce marine che contengono resti fossili di animali marini. Altre rocce sedimentarie possono essere di origine lagunare, di palude o fluviale. Le Prealpi Venete si sono formate sul fondo del mare circa 230 milioni di anni fa. Oggi si presentano con una morfologia dolce, quasi altopiano, dove non esistono vette. Le valli cono profonde e incidono i versanti. Esse sono costituite da formazioni di rocce sedimentarie. I calcari e le dolomie sono le formazioni principali che hanno origine dalla decomposizione di silicati e calcici magnesiaci di rocce ignee e metamorfiche e preesistenti ( calcare, dolomio). Tra loro si differenziano per stuttura e reazione all'attacco acido, infatti è stato verificato con un semplice esperimento che le dolomie friggono meno dei calcari a contatto co