Malattie batteriche

Appunto inviato da starker
/5

Appunti sulle più comuni malattie batteriche. (11 Pag - Formato Word) (0 pagine formato doc)

LA MENINGITE LE MALATTIE BATTERICHE I BATTERI PATOGENI I batteri sono esseri unicellulari procarioti, cioè la loro cellula è priva di membrana nucleare, sono più piccoli dei lieviti ma più grandi dei virus, diffusi su tutta la superficie del globo, nel suolo, nell' acqua e nell' aria.
Gran parte vivono sopra o all'interno di organismi più grandi, compreso l' uomo. Alcuni causano malattie e vengono definiti patogeni, ma non tutti sono pericolosi ; al contrario, altri sono molto utili, come ad esempio la flora intestinale e i batteri che producono composti azotati per le piante in crescita. I batteri vengono classificati anche per la loro forma : rotondi (cocchi), a bastoncello (bacilli), ricurvi (vibrioni) e ondulati (spirilli).
La maggior parte è priva di movimento, ma alcuni sono mobili autonomamente o grazie ai flagelli. I cocchi si trovano spessi in associazioni precise: gli stafilococchi sono raccolti a grappolo, gli streptococchi formano catene e i diplococchi sono accoppiati. In condizioni favorevoli tutti i batteri sono in grado di svilupparsi molto rapidamente, fino a raddoppiare di numero in mezz' ora. Se le condizioni non sono favorevoli muoiono molto facilmente, ma alcuni producono spore (cellule a parete spessa, molto resistente al caldo ed anche all' essicamento), che rimangono inattive fino a che le condizioni non ridiventano favorevoli. I batteri patogeni inducono malattie fondamentalmente in due modi. Possono entrare in un tessuto e danneggiarlo moltiplicandosi, oppure possono rilasciare delle sostanze chiamate tossine, che riescono a danneggiare anche zone molto lontane dal punto d' ingresso. Le endotossine sono contenute nel batterio che le rilascia nel momento in cui muore, le esotossine vengono invece emesse dal batterio vivente. Di solito i segnali e i sintomi della malattia sono provocati dalle esotossie come accade nel tetano, nel quale i batteri che si sviluppano in una ferita non pulita emettono un' esotossina che danneggia il sistema nervoso. I microrganismi patogeni vengono trasmessi di solito per contatto diretto, attraverso il respiro, per contatto con escreti inquinanti o attraverso gli insetti. Nella maggior parte dei casi l' organismo è in grado di difendersi dai batteri pericolosi. Tuttavia, nel caso in cui riescano a stabilire una testa di ponte nell' organismo e a causare una malattia, questo necessita di aiuto da parte di farmaci in grado di uccidere i batteri, o per lo meno di bloccare la loro riproduzione. Questi farmaci sono chiamati battericidi se uccidono i batteri e batteriostatici se ne inibiscono la riproduzione. Gli antibiotici non devono essere usati in maniera indiscriminata, perché se impiegati in modo scorretto possono favorire lo sviluppo di ceppi resistenti. Le tecniche di sterilizzazione degli ambienti prevedono l'uso di disinfettanti, del calore (sia secco, sia in forma di vapore) e talvolta anche di radiazioni. LA TUBERCOLOSI La tubercolosi (o TBC) è un`infezione provocata dal Mycobacterium t