Legami chimici

Appunto inviato da minife
/5

Appunti di chimica su valenza, legami Ionico, Covalente non polare o Puro, Covalente Polare o Eteropolare, Covalente Dativo, Legame Idrogeno e Legame Metallico. (file.doc, 4 pag) (0 pagine formato doc)

CHIMICA Chimica: VALENZA Per gli elementi che non presentano l'ottetto completo, bisogna osservare che il numero di elettroni spaiati presenti in un atomo rappresenta la valenza dell'atomo stesso.
Per alcuni atomi sono possibili pi?ati di valenza, poich?sistono orbitali con la stessa energia in uno stesso livello, e gli elettroni anzich?ompletarne alcuni tendono ad occuparne il maggior numero possibile. Ad esempio il carbonio (C), con 6 elettroni, 2 nel primo livello e 4 nel secondo, possiede valenza 4 (tetravalente). IL LEGAME CHIMICO La quasi totalit?ella materia che ci circonda ?ostituita da atomi legati fra loro da un legame chimico. La formazione del legame avviene ad opera degli elettroni di legame, che sono elettroni del livello energetico pi?terno incompleto.
Gli elettroni e gli atomi vengono indicati con la formula di Lewis, data dal simbolo chimico circondato da punti che rappresentano gli elettroni, a coppia o spaiati a seconda della loro disposizione negli orbitali: Es.: H Li Be B C N O F Tutti gli atomi che non possiedono l'ottetto completo tendono a raggiungere questa situazione di massima stabilit?ombinandosi tra loro; queste interazioni fra atomi definite legami chimici sono costituite a mezzo degli elettroni pi?terni (elettroni di valenza). Vi sono vari tipi di legame: Ionico, Covalente non polare o Puro, Covalente Polare o Eteropolare, Covalente Dativo, Legame Idrogeno, Legame Metallico. Legame Ionico o Polare ?il legame formato tra elementi con differente affinit?u> per gli elettroni per es. I metalli (a sinistra della Tav. Periodica) ed i non-metalli (a destra Tav. Periodica) in cui si ha l'effettiva cessione di uno o pi?ettroni da un atomo all'altro con formazione di ioni permettendo cos?na configurazione elettronica stabile (come per il gas nobile pi?cino. - Perdita di elettroni (Ioni positivi o Cationi) - Acquisto di elettroni (Ioni negativi o Anioni Ad esempio consideriamo il cloruro di sodio NaCl (sale da cucina); il sodio Na (gruppo I metalli) possiede 11 elettroni uno in pi?l gas nobile che lo precede (neon), tende a perdere un elettrone ed a formare un catione Na+ molto stabile. Il cloro Cl (gruppo VII dei non-metalli), possiede 17 elettroni e tende ad acquisirne uno per raggiungere la configurazione dello Argon (18 elettroni) formando cos?'Anione Cl* molto stabile. Pertanto quando Sodio e Cloro vengono a contatto avviene una reazione chimica con la formazione di un legame polare fra ioni Na+Cl *. Questo legame ?eterminato dall'azione attrattiva delle due cariche elettrostatiche di segno opposto che per?n collassano in quanto ogni catione di Sodio ?ircondato, in una struttura cristallina elettricamente neutra, da anioni di Cloro e viceversa. Il legame ?orte. Il legame covalente I legami covalenti si formano fra atomi uguali o tra atomi diversi per condivisione o messa in comune di elettroni. ?un legame forte. Legame Covalente Puro o Non Polare ?un legame che si forma per condivisione di elettroni tra atomi uguali, che