La fermentazione

Appunto inviato da jashna
/5

Descrizione di un esperimento volto all'osservazione di un processo di fermentazione (file.doc, 2 pag) (0 pagine formato doc)

Ellero Sabrina cl FERMENTAZIONE Scopo: osservazione di un processo di fermentazione.
Materiali: glucosio (C6H12O6); idrossido di sodio (NaOH); lievito; acqua; indicatore blu di bromo timolo; reattivo di Lugol; bicchiere; fonte di calore. Procedimento: una sospensione di lievito e zucchero ?tata introdotta in una beuta collegata con un tubo immerso in una soluzione contenente blu di bromo timolo. In seguito questo sistema ?tato riscaldato per qualche ora. In seguito a fermentazione il blu di bromo timolo avrebbe dovuto tingersi di una tonalit?ialla. Come seconda prova sono stati prelevati 5 ml del miscuglio precedente (lievito+zucchero) e sono stati posti in provetta con l'aggiunta di 5 gocce di reattivo di Lugol e di 2 ml di idrossido di sodio. Il tutto ?tato riscaldato per 5 minuti.
In seguito a fermentazione si dovrebbe essere formato un precipitato di colore giallo. Conclusioni e approfondimenti: Nella prova eseguita in laboratorio la formazione dei prodotti previsti ci garantisce l'avvenuta della reazione. Nella prima prova c'?tata la formazione di anidride carbonica. Il prodotto della fermentazione ha reagito con l'acqua presente nell'indicatore blu di bromo timolo producendo acido carbonico. Ci? reso acida la soluzione che ?assata da una colorazione blu ad una gialla. Nella seconda prova c'?tata la formazione di alcol etilico. In un ambiente basico dato dalla presenza di idrossido di sodio hanno reagito lo iodio presente nella soluzione ed il reattivo di Lugol con l'alcol etilico formando lo iodoformio, un precipitato di colore giallo. La fermentazione ?na trasformazione biochimica a carico di sostanze organiche provocata dall'apparato enzimatico di numerosi microrganismi. Il termine fermentazione (dal latino fervere= bollire) ?ovuto a Pasteur che intese denominare in tal modo le trasformazioni microbiologiche caratterizzate dal tumultuoso ribollire del substrato organico a causa dello svolgersi dei gas si reazione. La pi?pica fermentazione ?uella alcolica in cui il mosto sembra bollire per lo svolgersi di anidride carbonica che, insieme all'alcol etilico, ?no dei prodotti della trasformazione dello zucchero contenuto nell'uva. Il termine fermentazione inizialmente ebbe quindi un significato molto ristretto; sia attribuiva soltanto ad un processo anaerobico a carico di uno zucchero, dalla degradazione del quale si formavano particolari prodotti di reazione che davano il nome alla fermentazione. La fermentazione cio?ra un processo anaerobico che demoliva solo parzialmente uno zucchero. I microrganismi presenti nel processo venivano chiamati “fermenti” e ad essi, in quanto esseri viventi, si attribuiva la responsabilit?ella trasformazione chimica avvenuta. Gli studi e le ricerche successive portarono a concludere che responsabili delle trasformazioni chimiche erano gli enzimi. Si scopr?noltre che alcuni processi respiratori, cio?ssidativi, non portavano uno zucchero alla completa degradazione, ma si fermavano a stadi intermedi, d