Velocità di reazione

Appunto inviato da catan85
/5

Dimostrare come varia la velocità di reazione a seconda della concentrazione, della temperatura e della presenza di un catalizzatore.(2 pagg., formato word) (0 pagine formato doc)

Cattaneo Andrea Velocità di reazione Obiettivo: Dimostrare come varia la velocità di reazione a seconda della concentrazione, della temperatura e della presenza di un catalizzatore.
Introduzione teorica: La velocità di razione è la quantità di reagente che sparisce nell'unità di tempo, oppure la quantità di prodotto che si forma nell'unità di tempo. Diminuendo la concentrazione della soluzione, la velocità di reazione diminuisce. Aumentando la temperatura a cui avviene una reazione, il tempo impiegato per farla avvenire diminuisce. Utilizzando una sostanza catalizzatrice, diminuisce il tempo di reazione. La reazione che abbiamo esaminato in laboratorio è: 2 K Mn O4 + 5 H2C2O4 + 3 H2SO4 2 MnSO4 + K2SO4 + 10 CO2 + 8 H2O Materiale utilizzato: 8 Becher per verificare il variare della velocità in base alla concentrazione 4 Becher per verificare il variare della velocità in base alla temperatura 4 Becher per verificare il variare della velocità in base alla presenza di un catalizzatore Una pipetta con propipetta, una pipetta a stantuffo, un fornello, un termometro.
Sostanze utilizzate: Acido solforico concentrato Acido ossalico Permanganato di potassio Acqua Procedimento operativo: Verifica del variare della velocità in base alla concentrazione: Si prendono 8 becher. In quattro si mettono 10ml di permanganato di potassio e in 4 si mettono 10ml di acido ossalico. Nei becher contenenti l'acido ossalico, si mettono 2ml di acido solforico. Nei primi 4 becher si mettono: nel primo niente, nel secondo 10ml di acqua, nel terzo 20ml di acqua, nel quarto 20ml di acqua. A questo punto si versa uno dei 4 becher contenenti acido ossalico nel primo di quelli contenenti permanganato di potassio. Si cronometra il tempo di reazione e si ripete la stessa procedura con gli altri 6 becher. A questo punto possiamo notare che i becher che avevano meno concentrazione di acqua hanno impiegato meno tempo a reagire rispetto a quelli con più acqua. Verifica del variare della velocità in base alla temperatura: Si fa reagire come prima l'acido ossalico con il permanganato di sodio, prima a temperatura ambiente e poi alla temperatura di 20°C. Possiamo quindi notare che la reazione è avvenuta più velocemente dove le sostanze erano più calde. Verifica del variare della velocità in base alla presenza di un catalizzatore. Come nella verifica precedente, si fa reagire l'acido ossalico con il permanganato di sodio per 2 volte: la prima senza il catalizzatore e la seconda con il catalizzatore. Si può quindi notare che la reazione è avvenuta più velocemente tra le sostanze con il catalizzatore. Tabella dati sperimentali: Quantità di acqua Tempo di reazione 1° becher 0 ml 1' 30'' 2° becher 10 ml 2' 30'' 3° becher 20 ml 3' 39'' 4° becher 30 ml 4' 44'' Valutazione rischi:Possibili tagli con la vetreria e possibili ustioni derivate dall'uso incauto dell'acido solforico concentrato. Osservazioni: Si devono prelevare in modo preciso le sostanze. Si deve cronometrare in modo preciso la velocità