Legame ionico e covalente negli alogenuri d'argento

Appunto inviato da hub
/5

Relazione di chimica (Documento in pdf, 2 pagine) (0 pagine formato pdf)

Legame ionico e covalente negli alogenuri d'argento Materiali occorrenti: Nitrato d'argento sol.
0.1 M - Cloruro di sodio crist. - Ioduro di potassio crist. - Bromuro di potassio crist. Fluoruro di calcio crist. - Vetreria. Richiami teorici: Il carattere covalente di un legame aumenta, come è noto, con il diminuire della differenza di elettronegatività. Aumentando il carattere covalente l'anione alogenuro diviene più polarizzabile. Polarizzazione: se consideriamo un anione monoatomico vicino ad un catione possiamo osservare che l'attrazione operata dalla carica positiva del catione produce una deformazione della nube elettronica dell'anione, dovuta alla tendenza di un doppietto elettronico a portarsi verso il catione ( zona tra i due nuclei ). Maggiore è la deformazione, maggiore sarà il carattere covalente del legame.
Catione Anione Questa capacità da parte dei cationi di produrre le deformazioni degli anioni è detta potere polarizzante. I cationi con maggior potere polarizzante sono quelli più piccoli e dotati di carica elevata ( es. Al3+ ). Gli anioni che facilmente subiscono la deformazione sono detti " polarizzabili "; tra gli anioni più polarizzabili vi sono quelli a grande dimensione ( es. I- ) in quanto il nucleo esercita una minore influenza sugli elettroni più esterni. Per questo i composti formati da cationi piccoli ad elevata carica ed anioni grandi presentano legami ad elevato carattere covalente. Prendiamo in esame gli alogenuri dell'argento, osservando la loro elettronegatività ( ), il loro raggio ionico ( r.i. ) ed il loro comportamento. Fluoruro di argento ( AgF ) : Ag+ : r.i. = 1.26 , = 1.4 . F- : r.i. = 1.36 , = 4.1 . + non è molto piccolo e non è dotato di carica molto elevata ( +1 ); l'anione F- non Come si nota il catione Ag è molto grande e, quindi, risulta difficilmente polarizzabile. Ne consegue la formazione di un composto a prevalente carattere ionico. Anche l'esame della differenza di elettronegatività ( = 4.1 -1.4 = 2.7 ) conferma quanto sopra; il carattere del legame è ionico per circa il 84 % e covalente per il 16 %. Cloruro di argento ( AgCl ) : Ag+ : r.i. = 1.26 , = 1.4 . Cl- : r.i. = 1.81 , = 2.9 . - è di dimensioni maggiori e quindi più facilmente polarizzabile. Anche l'esame In questo caso l'anione Cl della differenza di elettronegatività ( = 2.9 -1.4 = 1.5 ) ci porta a concludere che il legame ha un carattere ionico del 48 % ed uno covalente del 52 %. Bromuro di argento ( AgBr ): Ag+ : r.i. = 1.26 , = 1.4 . Br- : r.i. = 1.95 , = 2.8 . Aumentano le dimensioni dell'anione che diviene ancor più polarizzabile; anche la differenza di elettronegatività ( = 2.8 -1.4 = 1.4 ) ci dimostra una percentuale di legame ionico del 40 % circa ed uno covalente del 60 % circa. Ioduro di argento ( AgI ) : Ag+ : r.i. = 1.26 , = 1.4 . I- : r.i. = 2.16 , = 2.2 . Le dimensioni dell'anione aumentano ancora, per cui lo stesso risulta ancor più polarizzabile; anche la differenza di elettronegatività ( = 2.2 -1.4 = 0.8 ) diminuisce e ciò