Miscibilità e polarità

Appunto inviato da valy6
/5

Lo scopo di questa esperienza è quella di verificare se quali sono le sostanze più volatili, quali meno volatili;quali più miscibili e quali meno;e quali sono più influenzate da un caqmpo elettrico positivo e quali da un campo elettrico negativo. (3 pagg. (0 pagine formato doc)

Colombo Valentina MISCIBILITA' E POLARITA' SCOPO DELL' ESPERIENZA Confrontare le sostanze e verificare quali tra queste sono tra loro miscibili, quali più fluide o meno fluide, quali più volatili e quali sostanze sono influenzate dalla presenza di un campo elettrico generato da una bacchetta di vetro (campo elettrico positivo) e da una bacchetta di legno-ebanite (campo elettrico negativo).
MATERIALE UTILIZZATO VETRERIA: Sei provette; quattro becker; quattro imbuti; quattro burette; quattro vetrini da orologio; bastone di vetro, bastone d'ebanite. COMPOSTI: acqua distillata; alcol etilico o etanolo; esano toluene.
STRUTTURA DEI COMPOSTI: acqua distillata: H2O H O H H H alcol etilico: CH3CH2OH H C C O H H H H H H H H H esano: C6H14 H C C C C C C H H H H H H H toluene: C7H8 H H H C C H C C H C C H C H H ESPERIENZA N° 1 MATERIALE OCCORRENTE: Sei provette; una pipetta; i quattro composti; ESECUZIONE: Si prendono le sei provette e, in ognuna di esse, si mettono alcune gocce dei composti formando le seguenti combinazioni: acqua distillata (H2O) + toluene (C7H8); acqua distillata (H2O) + esano (C6H14); acqua distillata (H2O) + alcol etilico o etanolo (CH3CH2OH); toluene (C7H8) + esano (C6H14); esano (C6H14) + alcol etilico o etanolo (CH3CH2OH); alcol etilico o etanolo (CH3CH2OH) + toluene (C7H8); Dopo aver riempito le provette si analizza il tipo di miscuglio, distinguendo i miscugli omogenei dai miscugli eterogenei. ANALISI DELL'ESPERIENZA Un miscuglio è OMOGENEO quando presenta la medesima combinazione e proprietà in tutte le sue parti, anche la più microscopica, ed i composti non sono più distinguibili. Il soluto è il componente in misura minore e il solvente è quello in misura maggiore. Un esempio tipico di miscuglio omogeneo è la soluzione in cui un componente, chiamato solvente, dissolve un altro componente chiamato soluto. Un miscuglio è ETEROGENEO quando la sua composizione non è uniforme in tute le sue parti e il suo aspetto esteriore dipende dalla specifica parte di miscela in esame. Un esempio di miscuglio eterogeneo si ottiene quando i due composti sono formati, uno da legami covalenti polari e l'altro da legami covalenti apolari. Nella prima combinazione: acqua distillata + toluene (H2O + C7H8) il miscuglio non è uniforme in tute le sue parti quindi i due composti sono facilmente distinguibili; infatti il toluene, che è più oleoso e più leggero, rimane sulla superficie dell'acqua facendo notare molto la distinzione tra i due composti. L'acqua distillata è un composto formato da legami covalenti polari, il toluene è formato da legami covalenti apolari quindi i composti non si attraggono formando un miscuglio eterogeneo. IL MISCUGLIO CONTENUTO NELLA PRIMA PROVETTA E' UN MISCUGLIO ETEROGENEO. Anche nella seconda combinazione: acqua distillata + esano (H2O+ C6H14) i due composti sono facilmente distinguibili, infatti, l'esano, che è più oleoso e più leggero, rimane sulla superficie dell'acqua facendo notare anche qui la distinzione tra i due co