La teoria atomica

Appunto inviato da mariuccia95
/5

Appunto sulla teoria atomica, Dalton (3 pagine formato doc)

La prima teoria atomica si deve a Democrito ( IV secolo a.C.
), il quale pensava che la materia fosse discontinua  e formata da unità separate (atomi).
La sua teoria però sono concetti filosofici e non sperimentali, quindi senza dimostrazione; a questa si oppose la teoria dell’impossibilità del vuoto di Aristotele (alla base dell’istruzione scolastica).
Solo nel 1700 – 1800 Dalton riprende la teoria atomica, diventando uno dei primi autori delle leggi ponderali della chimica, lavorando sui pesi, cercando di capire come avvengono le trasformazioni. 
Lavorando con la bilancia capisce che la materia non si crea né si distrugge, ma si trasforma.


Dalton introduce il concetto di proporzioni definite, in cui si mettevano a reagire quantità pesate di sostanze diverse e misuravano la quantità dei prodotti. Si prendeva un composto, il quale veniva scomposto e pesato.

In questo periodo troviamo la nascita delle leggi ponderali della chimica:
- legge della conservazione della massa (Lavoisier)
- legge delle proporzioni definite e costanti (Proust 1799)
- legge delle proporzioni multiple (Dalton 1803).
In queste tre leggi troviamo il metodo dell’analisi e della sintesi:
- analisi: si va dal complesso verso il semplice
- sintesi: si va dal semplice al complesso.


LEGGE DELLA CONSERVAZIONE DELLA MASSA

La somma dei pesi delle sostanze poste a reagire è uguale alla somma dei pesi delle sostanze ottenute dopo la reazione.
Una definizione che semplifica la precedente è : nulla si crea, nulla si distrugge tutto si trasforma.

LEGGE DELLE PROPORZIONI DEFINITE E COSTANTI

In un determinato composto chimico allo stato puro, gli elementi che lo formano stanno fra loro in proporzione di peso definita e costante.


.