Pearl Harbor: recensione film

Appunto inviato da shit88
/5

Recensione del film interpretato da Ben Affleck e Josh Hartnett (2 pagine formato doc)

PEARL HARBOR RECENSIONE DEL FILM: PEARL HARBOR Titolo: Pearl Harbor Regista: Michael Bay Anno di produzione: 2001 Attori: Ben Affleck, Josh Hartnett, Kate Beckinsale.
Rafe Mc Cawley e Danny Walker sono due amici inseparabili, con la stessa passione per il volo. Entrambi si arruolano nell'aviazione americana; il primo si offre volontario per il fronte europeo della seconda guerra mondiale, il secondo viene trasferito a Pearl Harbor. Alla partenza Rafe chiede a Danny di occuparsi della sua fidanzata Evelyn. Durante una missione Rafe viene abbattuto e dato per disperso. Nella base americana alle Hawai, Danny ed Evelyn si innamorano.
Il 6 dicembre 1941, Rafe ricompare, perché è riuscito a salvarsi. Ma la tragedia incombe: all'alba del 7 dicembre un'improvvisa offensiva giapponese coglie di sorpresa la flotta americana e la riduce in macerie. Gli americani vogliono vendicarsi e organizzano una missione di bombardamento su Tokyo, a cui partecipano anche Danny e Rafe: i due si rappacificano ma alla fine il destino li dividerà comunque. La pellicola non è un capolavoro di originalità, soprattutto nel triangolo amoroso tra i protagonisti, ma si riscatta nella seconda parte, grazie alla spettacolarità degli effetti speciali e al realismo delle riprese. La storia d'amore, in realtà, è il collante per presentare l'attacco giapponese alla flotta americana e per rendere il film meno freddo e documentaristico. Il rigore storico è sostituito da molta spettacolarità. Lo scopo viene raggiunto: lo spettatore è immerso nelle tristi e drammatiche sequenze del disastro e nell'atrocità della situazione. Nel complesso il film è abbastanza scorrevole e avvincente, anche se dura circa 160 minuti. Le cadute di ritmo sono bilanciate da molte scene dinamiche. Tutte le sequenze, sia quelle spettacolari sia quelle statiche, sono curate nei minimi dettagli: scelte di luce, contrasti, chiaro - scuri, inquadrature. La parte decisamente stonata è quella finale della risposta americana all'assalto giapponese. Essa non si amalgama assolutamente con il resto, ci troviamo di fronte ad una trama slegata dal contesto. Vista la durata fiume del film, sarebbe stato più opportuno concluderlo dopo l'attacco a Pearl Harbor. Ricordiamo che questo kolossal epico - storico di stile hollywoodiano, costato milioni di dollari, ha meritato l'Oscar per il miglior montaggio sonoro. Gli attori Ben Affleck e Kate Beckinsale sono stati all'altezza dei loro ruoli; discreto, ma con un tono recitativo più basso Josh Hartnett. Da segnalare un quasi irriconoscibile, a causa del trucco, John Voigth nei panni del presidente Franklin Delano Roosvelt, il presidente degli Stati Uniti di quegli anni. La sua interpretazione è da considerarsi veramente magistrale e fa sorgere spontanea una domanda: come mai ad attori affermati ed incisivi sono stati affidati solo ruoli secondari ?