Relazione tra consumo e identità

Appunto inviato da ladyfranky
/5

identità e self-concept (I-self, me-self, looking-glass-self), extended self e riduzione del sé esteso, definizione contenutistica di cultura (valori, linguaggio, norme, miti, rituali, oggetti, simboli), significati dei consumi utilitaristici e simbolici (sacri, profani, edonistici e sociali) (5 pagine formato doc)

Relazione tra consumo e identità - Lo shopping oggi è una modalità di costruzione dell’identità personale.
Iniziamo a consumare perché acquistiamo dei prodotti. Il consumatore moderno esisterebbe proprio per il fatto di acquistare: “I shop, therefore I am” (Halter). Nella società moderna, molti consumatori basano la costruzione della propria identità quasi esclusivamente sul consumo.
    Secondo Baudrillard, il sistema dei consumi di un individuo diventa il suo spoken system, un sistema parlante, una sorta di grammatica dei consumi, e, poiché non siamo esenti dall’influenza della società, questo richiede di imparare a consumare. Un esempio sono gli smartphone, oggetti per comunicare il nostro essere.
Il consumatore ha bisogno di combinare insieme gli oggetti che possiede.

Leggi anche Le fasi dei processi di acquisto e consumo

Identità e self-concept
C’è differenza tra personalità (studiata in psicologia) e identità. Il concetto di personalità raccoglie tratti distintivi e durevoli (modelli di pensiero) che il consumatore utilizza per adattarsi a ciò che succede nella sua vita e che sono molto stabili, non sono modificabili nel corso della vita attraverso il consumo, per cui non sono importanti ai fini dello studio della materia.
    Invece, l’identità si riferisce agli aspetti che possono essere modificati, che possono evolvere attraverso il consumo. La consumer identity dipende dalla personalità dell’individuo. Sé e identità vengono usati come sinonimi: il sé è ciò cui ci riferiamo parlando di consumer identity.

Leggi anche La produzione, distribuzione e il consumo