Dante Alighieri

Appunto inviato da paddy
/5

Tutto ciò che c'è da sapere sulle massime opere letterarie di Dante Alighieri. Riassunto per punti delle tre motivazioni principali alla base delle opere maggiori: Convivio, De vulgari eloquentia, Divina commedia. (2 pag - formato word) (0 pagine formato doc)

CONVIVIO DANTE CONVIVIO banchetto di cultura opera dottrinale in cui Dante disquisisce opera con cui dimostrare la propria dottrina e controbattere le accuse che lo avevano fatto esule (exul in meritus: accusato ingiustamente) amore per la sapienza (la “donna gentile”, cioè la filosofia) Dante è il primo intellettuale ad occuparsi della conoscenza in volgare Opera volta ad un pubblico di elevata condizione sociale (pubblico nobile, non solo di nascita) che non sfrutti la conoscenza per motivi di lucro, quindi in maniera disinteressata Metodo di lettura allegorico, con prosa costruita per il ragionamento, non più pervasa di afflato mistico DE VULGARI ELOQUENTIA scritto in latino, rivolto ai dotti latini parla del problema di trovare un “volgare illustre” con determinate caratteristiche: cardinale; il cardine intorno al quale devono girare i volgari municipali.
Aulico; perché sarebbe proprio del palazzo reale se in Italia vi fosse la reggia.
Curiale; perché elegante e dignitoso come l'ambiente delle eccellentissime corti dichiara i frangenti in cui usare diversi stili di volgare. Es. lo “stile tragico”, da usare per argomenti sull'amore, armi, virtù COMMEDIA LA GENESI POLITICO-RELIGIOSA DEL POEMA visione apocalittica della realtà e speranza nel riscatto futuro (mondo caotico e corrotto) l'ordine voluto da Dio è sconvolto, la chiesa è corrotta, l'impero è debole e in rotta di collisione classe nobiliare sconfitta dai nuovi ceti in ascesa missione profetica di Dante: la commedia come viaggio mistico e di fede, che dovrà essere d'esempio all'uomo per essere ricondotto sulla retta via terzo mortale a compiere da vivo un viaggio nell'oltre tomba; prima di lui Enea e San Paolo il viaggio simboleggia la redenzione del Poeta, e con esso, quella dell'umanità; una redenzione che ha come fine ultimo la felicità celeste, anticipata però da quella terrena l'uomo deve adeguarsi ad un patrimonio di nozioni conoscitive che Dio gli rende disponibile; non deve oltrepassare la soglia dell'orgoglio, della presunzione, del desiderio di sapere più del dovuto l'universo è regolato da Dio Virgilio rappresenta la ragione umana per eccellenza, quella classica che ha saputo scavare nella verità (stima di Dante verso i filosofi che, in assenza dei dogmi cristiani, hanno avuto la libertà di riflettere sul mondo) ALLEGORIA E “FIGURA” NELLA COMMEDIA impianto allegorico: 1_allegoria dei poeti; 2_allegoria dei teologi (quella della commedia) 1_il piano letterale è una “bella menzogna”, sotto la quale si nasconde una verità 2_il piano letterale è vero, non fittizio; evento reale e storico che rimanda a significati ulteriori 3 livelli di senso della scrittura: 1_allegorico (verità generali della dottrina); 2_morale (insegnamenti per l'uomo); 3_anagogico (piano trascendente di Dio) Virgilio……Ragione Beatrice….Teologia Catone…...Libertà Piano figurale IL TITOLO DELLA COMMEDIA E LA CONCEZIONE DANTE