Appunti di didattica speciale: da che cos'è alle principali teorie

Appunto inviato da smile82
/5

Cosa è la didattica speciale, il suo excursus storico, le metodologie, mastery learning in Carrol e Bloom, Maslow e Deicy. Ed inoltre strastegie e metodi di intervento in classe (18 pagine formato doc)

DIDATTICA SPECIALE DIDATTICA SPECIALE.
PROBLEMI EPISTEMOLOGICI. In una tradizionale visione del rapporto di insegnamento\ apprendimento, il rapporto tra insegnante e allievo era visto come un rapporto causa effetto, in cui bastava la spiegazione dell'insegnante a consentire l'apprendimento nell'allievo, raffigurabile in questo modo: INSEGNANTE ALLIEVO. Attualmente il rapporto insegnante-allievo ha invece come tramite l'OGGETTO CULTURALE: affinché l'alunno possa apprendere, l'insegnante lavora sul mezzo, cioè sull'oggetto culturale. CONTESTO INSEGNANTE ALLIEVO OGGETTO CULTURALE Quindi quando l'alunno non apprende, non si deve intervenire sull'allievo, per esempio rispiegando i contenuti, ma occorre modificare l'oggetto culturale. In questo modo è possibile riattraversare lo stesso sapere con direzioni e con scopi diversi (criss cross land escape).
Si hno quindi scopi diversi a seconda di comesi interpreta il rapporto insegnamento\ apprendimento. Il costruttivismo eredita dal cognitivismo la concezione che il soggetto interpreta la realtà e costruisce la conoscenza partendo da propri schemi mentali. Esso sostiene che il soggetto è interessato alla realtà solo alla luce dei suoi schemi mentali. Inoltre enfatizza il carattere socialmente condiviso e distribuito della conoscenza, attraverso alcune strategie quali per esempio il COOPERATIVE LEARNING. Lo scopo della DIDATTICA GENERALE è quello di creare le condizioni ottimali affinché un soggetto che voglia apprendere possa apprendere, non in un apporto di causa\ effetto. Lo scopo della DIDATTICA SPECIALE è quello di creare le condizioni ottimali affinché un soggetto con problemi di apprendimento che voglia apprendere possa apprendere, al fine di poter fare un'esperienza cognitiva, sociale e relazionale nel migliore dei modi. Da cio si evince che la didattica speciale, cosi come la didattica generale, non ha la pretesa di lavorare sul soggetto, ma di costruire le condizioni perché l'allievo che vuole e deve apprendere, possa apprendere, lavorando diversamente su schemi, modelli e cosi via. Nella didattica special si tratta di soggetto con problemi di apprendimento, che devono essere integrati all'interno della classe e più in generale all'interno della società. Al fine di poter parlare di un'INTEGRAZIONE DI QUALITA' per questi soggetti, non occorre sviluppare esclusivamente condizioni di socializzazione , ma occorre guardare anche agli aspetti si cognitivi che psicologici. Si parla di integrazione di qualità non solo quando il soggetto ha occasione di comunicare con i suoi pari; non solo quando si ottengono progressi cognitivi, ma anche quando si guarda ad aspetti psicologici, come per esempio il controllo dell'ansia, della frustrazione ecc. Molto importanti in questo senso sono le ATTRIBUZIONI: Se un bambino che ha fallito un compito, attribuisce questo fallimento a un malore, o al fatto di non aver studiato, attribuisce alla frustrazione una causa instabile, che non ha eccessive ripercussioni sui suc