La gerarchia delle fonti internazionali. Il diritto internazionale cogente: l'unitarietà dell'ordinamento internazionale

Appunto inviato da donatellaaa
/5

Fonti Internazionali e prevalenza di una in caso di contrasto dell'altra. Riferimento alle Convenzioni e Sentenze fondamentali in tale materia. (4 pagine formato doc)

FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE:
1) NORME CONSUETUDINARIE (principi generali del diritto)
Vincolano tutti gli Stati (norme generali);

ADATTAMENTO DEL DIRITTO INTERNO AL DIRITTO INTERNAZIONALE (Clicca qui >>)


2) TRATTATO (ACCORDO)
Riconosciuto come obbligatorio dalla norma pacta sunt servanda: ART.
26 Convenzione di Vienna sul Diritto dei Trattati 1969 “Ogni trattato in vigore vincola le parti e deve essere da esse eseguito in buona fede”.

3) FONTI PREVISTE DA ACCORDI (soprattutto atti delle organizzazioni internazionali).

APPUNTI DI DIRITTO INTERNAZIONALE (Clicca qui >>)


Quali sono i rapporti tra queste fonti?
Le norme consuetudinarie generali (di grado superiore) possono essere derogate dai trattati (di grado inferiore)?
In genere ciò è possibile quando esplicitamente la norma di grado superiore lo consente.

DISPENSE SUL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO (Clicca qui >>)


CONTENUTO DEL PROBLEMA:
In realtà in questo caso bisogna domandarsi se le norme consuetudinarie siano così fortemente vincolanti.
O anche se è possibile che un  trattato possa contenere norme in contrasto con una norma consuetudinaria generale.
In caso di contrasto quale norma prevale?
Implicitamente ci si chiede anche, se una delle due prevale sull’altra, quest’ultima cos’è? E’ invalida, sospesa, o altro?