Successioni nel diritto privato: per causa di morte, ereditaria e legittima

Appunto inviato da mks47 Voto 7

Riassunto sulle successioni nel diritto privato: la successione di morte, sucessione legittima, successione ereditaria e il testamento (5 pagine formato doc)

SUCCESSIONI NEL DIRITTO PRIVATO: PER CAUSA DI MORTE, EREDITAIA E LEGITTIMA

Le Successioni
•    I rapporti trasmissibili a causa di morte
Alla morte di una persona alcuni suoi diritti e alcune sue obbligazioni si estinguono; mentre altri diritti e altre obbligazioni si trasmettono ai suoi successori; fatto analogo accade anche per i contratti.


Si estinguono i diritti e gli obblighi non patrimoniali: è il caso degli obblighi familiari, i diritti della personalità; (quelli strettamente inerenti alla persona del loro titolare). Per contro, i diritti patrimoniali assoluti (la proprietà e gli altri diritti reali di godimento e le garanzie reali) si trasmettono ai suoi successori, salvo quei diritti reali che non possono durare oltre la vita del loro primo titolare (usufrutto, uso, abitazione).
Ugualmente si trasmettono le correlative situazioni passive: morto il proprietario di un bene gravato dal diritto reale o dall’onere reale altrui, questo sarà esercitato dal suo titolare nei confronti del successore del defunto.

Le successioni, riassunto di diritto privato


SUCCESSIONE DI MORTE

Sempre per regola generale, si trasmettono ai successori i diritti patrimoniali relativi (le sue obbligazioni).
Per quanto riguarda i contratti essi, in linea generale, non si estinguono e il successore del contraente defunto subentra nell’esercizio dei diritti e nell’adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto. Qui sono sottoposti anche i contratti aventi carattere personale.
Alla regola della successione nei contratti del defunto sono sottratti i tali contratti: quelli che obbligavano il defunto ad una prestazione di fare, inesigibile a carico degli eredi (non vale se il defunto è imprenditore); i contratti che riflettevano propensioni del tutto personali del contraente defunto (partecipazione al contratto di associazione, società di persone implicante responsabilità illimitata).

Riassunto sui tipi di successioni: successioni ereditarie, successione di morte e successione legittima


SUCCESSIONE EREDITARIA

•    L’eredità e le diverse forme della successione
L’insieme dei rapporti giuridici che, alla morte della persone, si trasmettono ai suoi successori prende il nome di patrimonio, o asse ereditario, o eredità. La successione si apre al momento della morte: il momento nel quale il patrimonio perde il proprio titolare, il momento rispetto al quale si stabilisce chi ha diritto di succedere, il momento al quale retroagiranno gli effetti dell’accettazione dell’eredità; si apre nel luogo dell’ultimo domicilio del defunto.
La morte di una persona fa sì che il patrimonio del defunto perda il suo titolare, ma non determina ancora, di per sé sola, la sua trasmissione ai successori: gli eredi hanno un termine per accettare l’eredità. Di per sé la morte del soggetto produce solo una situazione giuridica (delazione dell’eredità): il suo patrimonio è destinato alla successione, ma ancora non si sa chi succederà.

Riassunto sulle successioni


SUCCESSIONE LEGITTIMA

La delazione può assumere tre forme (art.457):
Successione testamentaria: se l’ereditando aveva fatto testamento l’eredità si devolve alla persona o alle persone indicate nel testamento.
Successione legittima: se l’ereditando non aveva fatto alcun testamento, l’eredità si devolve ai suoi parenti indicati dalla legge e nell’ordine di questa stabilito; il principio è che il patrimonio del defunto vada ai membri della sua famiglia, non oltre il sesto grado di parentela.
Successione necessaria: se l’ereditando aveva fatto testamento trascurando determinati parenti alla quale la legge riconosce il diritto di succedergli una data quota ereditaria; oppure se, morto senza testamento, aveva in vita donato i suoi beni in misura tale da ledere il diritto di successione dei parenti. In tali casi i parenti possono fare valere l’azione di riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni, così da concorrere nella successione.