Il diritto di famiglia

Appunto inviato da erib93
/5

Appunto che descrive il diritto di famiglia (3 pagine formato docx)

Il diritto di famiglia è una branca del diritto privato che disciplina i rapporti familiari in genere: 
1) parentela e affinità
2) matrimonio
3) i rapporti patrimoniali nella famiglia
4) la filiazione
5) i rapporti fra genitori e figli
6) la separazione e il divorzio

1) PARENTELA E AFFINITA’
I rapporti di parentela sono disciplinati dal Titolo V, articoli da 74 - 78 del C.C.
La qualità di coniuge si acquista con il matrimonio.


La parentela è vincolo che lega i discendenti da uno stesso stipite.
Si ha parentela in linea retta tra le persone di cui una discende dall’altra (genitori-figli); si ha parentela collaterale tra soggetti con stipite comune, ma non discendenti l’una dall’altra (zii-nipoti, fratelli, cugini).
Il calcolo del grado di parentela in linea retta, si deve tener conto delle generazioni sino allo stipite, escludendo quest’ ultimo, invece per quelle collaterali, si ricostruiscono i passaggi generazionali, fino allo stipite comune. La rilevanza giuridica non si estende oltre il senso grado.
L’affinità lega un coniuge ai parenti dell’altro coniuge, stessa linea, stesso grado. 


2) IL MATRIMONIO
Il matrimonio è il consenso, che due persone di sesso diverso si scambiano dichiarando che si vogliono prendere rispettivamente in marito e moglie, dando così origine ad una famiglia legittima. 
La celebrazione del matrimonio è preceduta dalle pubblicazioni: su richiesta degli sposi, l’ufficiale dello stato civile dei comuni di residenza degli sposi, con un foglio affisso nell’ingresso della casa comunale, dà notizia del matrimonio; le  pubblicazioni hanno la funzione di consentire a chi si volesse opporre al matrimonio di far valere le proprie ragioni.
Per la validità del matrimonio è necessario che esso sia celebrato davanti all’ufficiale dello stato civile e con la presenza di due testimoni; l’ufficiale dichiara che esse sono unite in matrimonio, redigendo immediatamente l’atto di celebrazione del matrimonio. Solo dal momento della dichiarazione dell’ufficiale civile, le parti sono marito e moglie.