Appalto privato: appunto di diritto

Appunto inviato da katiolina
/5

appunti di diritto sull'appalo privato (2 pagine formato doc)

Appalto privato: appunto di diritto - L'Appalto (Codice civile, Libro IV, Titolo III, Capo VII, art.

Da 1655 a 1677) Definizione: Contratto tipico in forza del quale una parte, chiamata committente, commissiona ad un'altra parte, chiamata appaltatore, l'esecuzione di un'opera o la prestazione di un servizio che l'appaltatore si obbliga ad eseguire con la propria organizzazione e a perfetta regola d'arte, dietro pagamento di un corrispettivo. Caratteristiche: è un contratto bilaterale, a prestazioni corrispettive, consensuale, di durata, a forma libera, di risultato, d'impresa, di fiducia (intuitus personae). Soggetti: Committente (privato o ente pubblico); Appaltatore (impresa).


Leggi anche Approfondimento sull'appalto privato in architettura

Oggetti: Compimento di un'opera (appalto d'opera) o prestazione di un servizio (appalto di servizio). Corrispettivo: A forfait: viene stabilito un prezzo complessivo dell'intera opera (o servizio), tale prezzo è invariabile. A misura: è in relazione alle quantità di materiali impiegati o lavorazioni compiute, individuati per prezzi unitari. In economia: è in relazione alle ore che l'imprenditore usa per completare i lavori. Varianti: Concordate tra le parti: essendo un contratto bilaterale, se committente e appaltatore sono di comune accordo, possono modificare il progetto iniziale o parte di questo. L'autorizzazione per tali modifiche deve essere rilasciata in forma scritta.

Leggi anche Appunti di diritto privato

Necessarie: l'appaltatore non può né modificare unilateralmente il progetto, né eseguirne uno sbagliato o non a perfetta regola d'arte. L'art. 1660 c.c. stabilisce che l'appaltatore, se ritiene necessarie variazioni per poter adempiere alle proprie obbligazioni, deve farne richiesta al committente. Se il committente autorizza le modifiche si ricade nel caso precedente, se non le autorizza e se l'appaltatore non vuole risponderne, quest'ultimo dovrà chiedere al giudice l'autorizzazione.

Leggi anche La forma e i contenuti di contratto

Il giudice non potrà mai autorizzare variazioni non strettamente necessarie. Ordinate dal committente: questa norma è una deroga alla bilateralità del contratto d'appalto. Il committente può apportare, anche in corso d'opera, variazioni al progetto, purché non superino 1/6 del prezzo dell'intero appalto, non modifichino interamente il progetto o in modo rilevante. Garanzie dell'appaltatore: Per quei vizi e quei difetti imputabili ad una cattiva esecuzione, l'appaltatore dovrà risponderne effettuando i necessari ripristini e/o risarcendo danni subiti dal committente (Art. 1668 c.c.)

Difformità e vizi apparenti: Art. 1667 1° comma c.c. Sono quelli riconoscibili con la normale diligenza del committente alla consegna dell'opera; devono essere denunciati prima dell'accettazione, altrimenti l'appaltatore non dovrà più risponderne, salvo che non li abbia nascosti. Difformità e vizi occulti lievi: Art. 1667 2° comma c.c. L'appaltatore deve risponderne entro due anni dalla consegna, se segnalati entro 60 giorni dalla scoperta. Sono quei vizi e difetti che non incidono sull'uso, sulla destinazione, sulla natura, sulla struttura dell'opera.