Appunti completi di diritto privato

Appunto inviato da djdang
/5

File completo ed esauriente realizzato sul testo di "Appunti di diritto privato" di Alcaro. (file.doc, 25 pag) (0 pagine formato doc)

Egregia redazione di motociclismo testo di riferimento “Appunti di diritto privato”di Alcaro CAPITOLO 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO PRIVATO LA FUNZIONE DEL DIRITTO IN GENERALE.
I PROFILI TIPICI DEL DIRITTO PRIVATO Bisogna stabilire il ruolo del diritto privato nell'ordinamento giuridico. Il diritto guarda alle relazioni interindividuali nelle loro manifestazioni esteriori, non in quelle interiori. Il diritto valuta un fatto, un comportamento, e ne predispone determinate sanzioni se vengono trasgrediti precetti legali. Il diritto è valido per un determinato ordinamento, cui è relativo, perché ci sono più ordinamenti giuridici. Diritto e giustizia non sono sinonimi.
Esistono più ordinamenti giuridici, ciascuno con propri principi ispiratori. La funzione del diritto è stabilire le regole nei rapporti sociali per garantire l'equilibrio. Per Kant è il diritto che dà l'arbitrio minimo a ognuno per coesistere con quello degli altri. Le regole che pone il diritto per gli interessi degli individui sono sia patrimoniali che personali. Nel diritto privato lo Stato è in posizione di parità nei confronti dei cittadini, uguali tra loro. Nel diritto pubblico lo Stato impone il suo potere sovrano. Lo Stato può talvolta agire come soggetto di diritto privato es. mercato, ma si troverà alla pari con tutti gli altri soggetti. Il diritto privato è generale, senza qualifiche specificanti. Ma nella realtà moderna privato e pubblico te4ndono a sconfinare l'uno verso l'altro. L'art.3 della costituzione dice che: “Lo Stato cerca di eliminare gli ostacoli che impediscono l'eguaglianza di fatto, politica, economica e sociale. In economia vige il principio della libera concorrenza, che il diritto tutela come “trasparenza”, e i soggetti possono fare scelte senza essere influenzati; però in concorrenza economica esistono anche qui regole di mercato. Il diritto nasce anche dalla consuetudine. Il diritto deve essere stabile e certo, per non essere inefficiente, anche se la realtà sociale. Il legislatore deve adeguare le formule giuridiche all'evoluzioni culturali, economiche e sociali. Ogni legge è superata dai progressi della vita, e più veloce cambiano la scienza, l'economia e la società, più brevi sono le norme giuridiche. Bisogna che il diritto si adegui a queste evoluzioni senza però perdere i caratteri di certezza e stabilità. Ci sono fattori nuovi oggi (es. fecondazione artificiale) che prima non trovavano giurisdizione, ma il giudice, anche per questi casi deve fare giustizia o per analogia ma non per equità. Il giudice applica le norme esistenti adattate alle nuove manifestazioni della vita. Il giudice prende in considerazione sia i modelli storici che quelli attuali. Il fine di tutto questo è che il vecchio e il nuovo vadano d'accordo. I caratteri classici del diritto privato, es. soggetto di diritto, persona giuridica, proprietà, contratto, responsabilità, impresa non sono immutabili nella loro struttura. Adeguare il diritto privato, vuole