Assunzione diretta e collocamento obbligatorio: appunti di diritto

Appunto inviato da fasila4ever
/5

Appunto rigurdante il contratto di lavoro,ed in particolare l'assunzione diretta ed il collocamento obbligatorio,con tutti i relativi diritti e doveri (2 pagine formato doc)

Elementi costitutivi di uno Stato “Assunzione diretta e collocamento obbligatorio” Prima di procedere all'analisi del collocamento obbligatorio occorre affrontare l'argomento relativo all'assunzione diretta per concludere quanto iniziato con la precedente lezione.
ASSUNZIONE DIRETTA La legge n.608 del 1996 stabilisce che: “tutte le assunzioni di lavoratori da parte dei datori di lavoro privati e di enti pubblici economici possono essere effettuate direttamente, senza il preventivo nulla-osta da parte degli organi del collocamento” Questa nuova procedura, che si sostanzia in una comunicazione di assunzione diretta, riguarda la generalità dei lavoratori, indipendentemente dal tipo di rapporto di lavoro che viene ad instaurarsi (a tempo indeterminato, determinato, part-time, contratto di formazione e lavoro, ecc.) Comunque rimane per i lavoratori l'obbligo di iscrizione nelle liste di collocamento. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO.
Al momento dell'assunzione, il datore di lavoro è tenuto comunque a registrare immediatamente il lavoratore nel libro matricola ed a consegnarli una dichiarazione sottoscritta dei dati relativi a tale registrazione. Quanto, poi, alle formalità burocratiche da svolgere presso gli uffici di collocamento, queste risultano notevolmente semplificate, risolvendosi nell'unico obbligo di comunicazione entro 5 giorni dall'avvenuta assunzione alla Sezione circoscrizionale per l'impiego competente. Nella comunicazione deve essere descritto l'inquadramento del lavoratore nell'organico aziendale e a tal fine è richiesta in particolare l'indicazione oltre che dei normali dati anagrafici, della qualifica professionale, della tipologia contrattuale, delle mansioni del lavoratore. Il datore di lavoro inoltre, deve rilasciare una propria dichiarazione di responsabilità attestante il rispetto di precedenza eventualmente riconosciuto a particolari categorie di lavoratori dalla contrattazione collettiva; degli obblighi di riserva stabiliti dalla legge; della mancanza di licenziamenti per riduzione di personale nei 12 mesi precedenti l'assunzione. COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO Il collocamento obbligatorio riguarda l'assunzione di alcune particolari categorie di lavoratori. In pratica si tratta dell'assunzione obbligatoria di una certa percentuale di lavoratori appartenenti alle cosiddette Categorie Protette. CATEGORIE INTERESSATE Le categorie di lavoratori da assumere obbligatoriamente sono : gli orfani e le vedove di dipendenti pubblici vittime del dovere o di azioni terroristiche; invalidi di guerra; invalidi per servizio; invalidi del lavoro; invalidi civili; gli orfani e le vedove dei caduti in guerra o per servizio o sul lavoro; i ciechi e i sordomuti; gli ex tubercolotici; gli ex deportati nei campi di sterminio nazisti; i minorati psichici aventi una capacità lavorativa che ne consenta l'impiego in mansioni compatibili. DISCIPLINA GIURIDICA L'assunzione obbligatoria degli appartenenti alle cosiddette Categorie Protette