Contro la tortura

Appunto inviato da dragonblaster
/5

Commento sul primo articolo della dichiarazione di Amnesty International sulla tortura. (1 pagina, formato word) (0 pagine formato doc)

Commento sulle dichiarazioni di Amnesty International contro la tortura Commento sulle dichiarazioni di Amnesty International contro la tortura 1.
Condannare la tortura Le pi?te autorit?i ciascun Paese dovranno dimostrare la loro incondizionata opposizione alla tortura. Dovranno condannarla senza riserve, ogni volta che si verifichi. Dovranno informare in modo inequivocabile tutti gli appartenenti alla polizia, alle forze armate e ad altre forze di sicurezza che la tortura non sar?ai tollerata. _____________________________________________ Commento Amnesty International, organizzazione umanitaria composta interamente di volontari, che ha delle diramazioni in tutti i paesi del mondo, ha molto a cuore il problema della tortura, in tutte le situazioni in cui si pu?rificare. Per questo motivo Amnesty ha organizzato le campagne di informazione sull'argomento negli ultimi anni, che hanno rivelato gli orrori e la crudele violenza di questa pratica.
Inoltre ?tato dichiarato che in molti paesi anche oggi ?n uso la tortura. Soprattutto in ambito militare, contro i prigionieri, con il consenso delle maggiori autorit? dello Stato. Questo fatto provoca orrore per chi lo apprende, ma ?a verit?Non a caso il primo "articolo", se cos?i pu?finire, di questa dichiarazione, impone a tutti gli stati del mondo di opporsi alla tortura, e di condannarla ogniqualvolta si verifichi; e inoltre impone che tutti i componenti di polizia, forze armate, e di tutte le forze dell'ordine siano informati che la tortura ?n crimine che non sar?ai tollerato. Questa ?na scelta molto precisa, che intende rendere noto a tutti che l'ambiente dove viene praticata maggiormente la tortura, sia fisica che psicologica, ?uello della polizia, durante gli interrogatori, in prigione, e in altri luoghi, nei confronti dei detenuti, impossibilitati a informare qualcuno di cosa accade loro, un qualcuno che potrebbe aiutarli. Pu?mbrare naturale che tutti gli stati del mondo abbiano accettato di buon grado questa dichiarazione, ma, al contrario, alcuni non lo hanno fatto. Questo perch?n quegli stati si verifica ancora la tortura, e i capi di stato in questione ne sono quasi certamente a conoscenza. Personalmente, mi sembra ovvio che una simile dichiarazione debba essere accettata e che gli articoli contenuti in essa debbano essere messi in atto ovunque, ma purtroppo non tutti la pensano cos?E molte di queste persone con opinioni contrastanti rispetto a quella di Amnesty, che condivido pienamente, sono dei capi di stato, dei funzionari importanti, o comunque persone che nel proprio stato contano molto a livello decisionale. Un quadro della situazione come questo ?olto triste, ed ?er migliorarlo che Amnesty si impegna ormai da anni facendo sentire la propria voce.