Il governo e la giustizia nel terzo reich

Appunto inviato da nennaelisa
/5

Appunto che descrive le caratteristiche e la composizione del governo e della giustizia nel terzo reich (3 pagine formato doc)

“IL GOVERNO NEL TERZO REICH” Sebbene la Repubblica di Weimar fosse stata abbattuta, la costituzione di Weimar non fu mai ufficialmente abrogata da Hitler.In effetti, e per ironia, Hitler basava la “legalità” del suo governo sulla disprezzata costituzione repubblicana.
Perciò migliaia di decreti legge (non vi erano altre tipologie di leggi nel Terzo Reich) fecero esplicito richiamo al decreto presidenziale di emergenza del 28 febbraio 1933 “per la protezione del popolo e dello Stato”, che Hindenburg aveva firmato in base all'articolo 48 della costituzione. (E' da ricordare che il presidente fu indotto con l'inganno a firmare il decreto il giorno successivo all'incendio del Reichstag, quando Hitler lo assicurò che vi era il pericolo di una rivoluzione comunista) Il decreto, che sospendeva tutti i diritti civili, rimase in vigore per tutta la durata del Terzo Reich, permettendo al Führer i governare con una specie di continua legge marziale.
Il secondo pilastro della “costituzionalità” del governo di Hitler fu la legge che il Reichstag aveva votato il 24 Marzo 1933 con la quale cedeva al governo nazista le sue funzioni legislative. Questa legge fu da allora regolarmente rinnovata ogni 4 anni da un Reichstag esautorato: mai pensò infatti Hitler di abolire questa istituzione un tempo democratica ma solo a renderla non-democratica. Il Reichstag si riunì solo 12 volte prima della guerra ,promulgò soltanto 4 leggi fra le quali le 3 leggi di Norimberga (15 Settembre 1935) e non tenne mai dibattiti o votazioni. Dopo i primi mesi del 1933 cessarono nel gabinetto le discussioni importanti e dopo il febbraio del 1938 il gabinetto non venne mai convocato.Il consiglio segreto di gabinetto (Geheimer Kabinettrat), istituito con grande clamore nel 1938, esistesse solo sulla carta infatti non si riunì mai.Il consiglio di difesa del Reich (Reichsvertidigungrat), istituito nei primi tempi del regime in qualità di comitato per i programmi di guerra; sotto la presidenza di Hitler, si riunì ufficialmente solo 2 volte. Molte delle funzioni del gabinetto furono delegate a speciali sezioni, quali l'Ufficio del sostituto del Führer, l'Ufficio dei plenipotenziari per l'economia di guerra e l'amministrazione e l'Ufficio del delegato per il piano quadriennale. Inoltre vi erano quelli noti col nome di “uffici supremi del governo” e “uffici amministrativi nazionali”, molti dei quali erano organizzazioni superstiti della Repubblica. Vi erano in tutto circa 42 uffici esecutivi del governo nazionale sotto la diretta giurisdizione del Führer. Le diete e i governi dei singoli stati della Germania furono aboliti, come abbiamo visto, durante il primo anno di regime nazista, quando il paese fu accentrato, e le amministrazioni degli Stati, ridotti a province, furono nominate da Hitler. L'autogoverno locale, l'unico campo in cui era sembrato che i tedeschi stessero facendo reali progressi verso la democrazia, fu pure