Organi centrali consultivi e di controllo

Appunto inviato da valiiina
/5

Diritto - Gli organi centrali consultivi e di controllo. ORGANI CENTRALI CONSULTIVI:Esprimono dei paretiche hanno carattere preventivo (1 pagine formato doc)

ORGANI CENTRALI CONSULTIVI:Esprimono dei pareri: facoltativi: parere che deve essere per forza richiesto ma non è obbligatorio ORGANI CENTRALI CONSULTIVI:Esprimono dei paretiche hanno carattere preventivo: facoltativi: parere che deve essere per forza richiesto ma non è obbligatorio seguirlo;obbligatori: il Ministro è obbligato a richiedere il parere da un organo consultivo;vincolanti: deve per forza chiedere il parere e seguirlo.
Consiglio di Stato: è un organo a cui sono attribuiti 2 tipi di funzioni: consultive generali e giurisdizionali amministrative. Il consiglio esprime pareri facoltativi od obbligatori in materia giuridica e amministrativa.
I pareri obbligatori riguardano gli atti nominativi, la decisione dei ricorsi straordinari del presidente della R. e gli schemi generali di contratti tipo, gli accordi, e le convenzioni predisposti da uno o + ministri. Quando il cittadino ritiene che i suoi diritti non sono stati tenuti conto può fare ricorso ad un'autorità superiore. Se un primo ricorso non viene accettato il cittadino può rivolgersi al T.A.R. e se neanche questo accetta, il cittadino ha ancora la possibilità entro 120 giorni, di fare ricorso al Capo dello Stato. T.A.R. = tribunale amministrativo regionale. Il consiglio di Stato è un organo collegiale, consultivo, composto da 88 membri. Avvocatura dello Stato: è un organo previsto dalla legge ed è un insieme di avvocati, dipendenti pubblici, assunti a seguito della vincita di un concorso.il loro compito è quello di presentare assistenza legale a tutte le amministrazioni dello Stato. Insieme di avvocati, dipendenti dallo Stato. Essi offrono la loro assistenza processuale solo allo Stato e agli enti pubblici e locali. ORGANI CENTRALI DI CONTROLLO: Il più importante è la Corte dei Conti che esercita un controllo di contabilità. Controllo di legittimità (che l'atto sia conforme alla legge) e di merito (si controlla la convenienza, l'atto deve essere adottato dalla p.a. per operare in modo più efficiente e vantaggioso).