I piani urbanistici

Appunto inviato da perovich
/5

I tipi di piani urbanistici, direttiv, ed esecutivi. (3 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

I PIANI URBANISTICI I PIANI URBANISTICI piano urbanistico strumento di controllo di indirizzo urbanistico che ha come scopo la determinazione dell'assetto di una porzione di territorio.
esistono due livelli di pianificazione: 1° livello pianificazione di direttive = ha come oggetto grandi porzioni di territorio nazionale e ha lo scopo di fornire direttive generali cui devono ispirarsi i piani di 2°liv . Adottati da regioni, province o enti locale con vasta competenza, valgono per un tempo indeterminato. 2° livello pianificazione di attuazione = di competenza comunale, riguarda gli aggregati urbani e da attuazione ai precedenti. COERCITIVITA'= tutti i piani impongono regole obbligatorie per i loro destinatari.
La mentalità di tale sistema è piuttosto rigida e lente le ventuali modifiche ai piani di secondo livello. Per questo di recente , legislazioni statali e regionali, conferiscono sempre più potere di deroga agli esecutivi nei confronti delle prescrizioni dei sovraordinati. PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO ART.5 - 1150/1942 Il più importante piano urb. di direttive, volto all'attuazione di una sistemazione omogenea di vaste aree di territorio e al coordinamento del loro utilizzo. Esso stabilisce la destinazione d'uso delle aree individuate, i vincoli idrogeologici , monumentali ecc…, le vie di comunicazione, le estensioni delle opere pubbliche. Le regioni indicano l'estensione del piano , che può anche essere solo una parte del territorio regionale. - tempo indeterminato - ammette varianti con stesso procedimento dell'approvazione - non vincola i privati ma i comuni - formazione non obbligatoria - l'approvazione varia da regione a regione;a volte anche con legge regionale - esiste anche un piano territ. di coord. provinciale IL PIANO REGOLATORE GENERALE comunale fissa le direttive generali di sistemazione di un territorio comunale - obbligatoria l'assunzione per tutti i comuni presenti negli elenchi dei ministeri dei lavori pubblici e delle regioni. - tutti gli altri hanno la facoltà di attuarlo, altrimenti un programma di fabbricazione. - localizzazione di opere pubbliche e vie di comunicazione - zonizzazione divisione in aree omogenee e norme per il loro utilizzo, individuazione zone degradate , storiche, paesistiche o ambientali CONTENUTO TECNICO: 1) tavola dello stato di fatto del territorio comunale = consistenze edilizie , reti di comunicazione e loro stato, destinazioni d'uso ecc… 2) progetto di piano regolatore generale = azzonamento e piano di viabilità 3) planimetrie zone omogenee 4) planimetrie particolari 5) norme tecniche di attuazione = indici edificabilità, confini ecc… 6) relazione tecnica illustrativa = scopi e criteri adottati, programmazione interventi… 7) stima sommaria dei costi FORMAZIONE P.R.G. (1942) 1- ELABORAZIONE SCHEMA DI PIANO eseguito da progettisti incaricati dal comune 2- DELIBERA DI ADOZIONE DEL PIANO approvata dal comune e vista dal coreco 3- PUBBLICAZIONE DEL PIANO ADOTTATO med