Reddito fiscale e imposte dirette: riassunto

Appunto inviato da federicarossetti
/5

Breve introduzione al sistema tributario italiano. Riassunto sul reddito fiscale e sulle imposte dirette (2 pagine formato doc)

REDDITO FISCALE E IMPOSTE DIRETTE: RIASSUNTO

Il reddito fiscale e le imposte dirette: riassunto di economia aziendale.

Il sistema tributario italiano è costituito dai tributi previsti dalla legge, dalle disposizioni applicative e dagli enti che li gestiscono. I contribuenti, ovvero le persone fisiche e giuridiche, sono assoggettati alle imposte secondo il loro reddito. I tributi servono per sostenere i servizi che lo Stato mete a disposizione dei cittadini.
Essi si distinguono in:
•    imposte: versate indistintamente da chiunque percepisca un reddito, si dividono in:
- dirette: colpiscono il reddito della persona, la fonte normativa delle imposte dirette italiane è costituita dal TUIR, Testo Unico delle Imposte sui Redditi, che classifica i redditi in varie categorie (IRPEF)
- indirette: colpiscono i consumi (IVA)
•    tasse: pagate da chiunque usurfruisca di determinati servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione
•    contributi: prelievi forzati fatti per la collettività

Cos'è il reddito fiscale d'impresa

LE IMPOSTE: RIASSUNTO BREVE

Il reddito d'impresa deriva dall'esercizio delle imprese commerciali, alcune di esse sono: produzione industriale di beni e servizi, servizi di trasporto, servizi bancari ed asicurativi. Per determinare il reddito e la posizione ai fini IVA è necessario considerare il regime contabile applicato; in base al loro volume d'affari i contribuenti si dividono in tre tipi:
•    minimi: aziende con volume d'affari inferiore ai 30.000 €, non hanno dipendenti e non hanno acquistato negli ultimi 3 anni beni strumentali per più di 15.000 €.

Essi non pagano l'Irap, l'Irpef (hanno un'imposta sostitutiva), l'IVA, ma un'imposta annua pari al 20% del reddito, non sono soggetti agli studi di settore, devono certificare i corrispettivi e numerare e conservare le fatture d'acquisto.
•    Semplificati: aziende di servizi con volume d'affari inferiore ai 310.000 € circa e aziende industriali e commerciali con volume d'affari inferiore ai 517.000 € circa. Essi usano i registri Iva ma non la partita doppia
•    Ordinari: sono tutte le spa e le aziende che superano i limiti precedenti. Il reddito d'impresa si determina partendo dal risultato economico di bilancio dell'esercizio al quale si applicano le eventuali variazioni in aumento e in diminuzione.

Reddito fiscale: riassunto

IL REDDITO FISCALE D'IMPRESA: RIASSUNTO

Il reddito fiscale è il risultato economico che viene riferito all'esercizio in base alle norme stabilite dalle leggi tributarie. I principi base sono: competenza fiscale, inerenza, certezza e determinabilità, iscrizione in bilancio e imputabilità specifica.
Le aziende semplificate determinano il reddito fiscale in fase di dichiarazione dei redditi, mentre le imprese ordinarie determinano il reddito fiscale con elaborazioni extra-contabili in sede di dichiarazione dei redditi.
Partendo dalla situazione contabile finale si considerano le variazioni in aumento, ovvero i costi non deducibili che vengono portati in aumento del reddito di bilancio; alcuni di essi sono:
•    svalutazione crediti: deducibili non oltre il limite dello 0,50 %
•    perdite su crediti: deducibili solo se risultano da elementi certi e precisi
•    rimanenze finali: vengono svalutate fiscalmente mediante LIFO, FIFO e media ponderata
•    immobilizzazioni immateriali: si dividono in:
- beni immateriali: deducibili non oltre il 50%
- diritti di concessione: deducibili in base alla durata di utilizzazione
- avviamento: deducibile fino a 1/18 del valore