Analisi di bilancio per indici

Appunto inviato da glorya
/5

Analisi e l’interpretazione revisionale del bilancio, la riclassificazione del bilancio, calcolo degli indici di bilancio, coordinamento degli indici costruiti (16 pagine formato doc)

ANALISI DI BILANCIO PER INDICI A - ANALISI DI BILANCIO PER INDICI Per effettuare l'analisi di bilancio per indici, è stato necessario svolgere in precedenza: l'analisi e l'interpretazione revisionale del bilancio; la riclassificazione del bilancio.
Dopo aver esaurito le suddette operazioni, è possibile procedere effettuando: il calcolo degli indici di bilancio; il coordinamento degli indici costruiti. GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici in esame sono rapporti fra voci contenute nel bilancio riclassificato e si suddividono in 3 tipologie a seconda delle informazioni che forniscono: gli indici di solidità consentono di valutare la situazione patrimoniale; gli indici di liquidità consentono di valutare la situazione finanziaria; gli indici di redditività consentono di valutare la situazione economica. 1 - GLI INDICI DI SOLIDITÀ: Consentono di analizzare le condizioni del patrimonio dell'impresa, per verificare: a) se il fabbisogno finanziario è coperto correttamente, allo scopo di valutare se la situazione patrimoniale dell'impresa è equilibrata o meno: esiste equilibrio, quando vi è una correlazione temporale fra investimenti e finanziamenti (per effetto di una corretta copertura del fabbisogno finanziario); il grado di indipendenza finanziaria da terzi, calcolando il grado di indebitamento.
L'esistenza di una correlazione temporale fra investimenti e finanziamenti e la bassa dipendenza finanziaria da terzi causano un giudizio positivo sulla solidità dell'im-presa, intesa come sua capacità di perdurare nel tempo. Poiché la solidità dell'impresa dipende dalla contemporanea presenza delle sopra citate condizioni, gli indici di solidità si suddividono in due categorie: indici di struttura patrimoniale indici di indebitamento 1) GLI INDICI DI STRUTTURA PATRIMONIALE: Per valutare se la struttura del patrimonio è equilibrata o meno si possono determinare due tipologie di indici, che si differenziano per il diverso procedimento di calcolo, ma che sono analoghi dal punto di vista delle informazioni fornite. Distinguiamo pertanto: gli indici di struttura patrimoniale di composizione; gli indici di struttura patrimoniale di correlazione. Negli indici di composizione vengono indicati al numeratore una parte di una grandezza, mentre al denominatore l'intero valore di quella stessa grandezza. Esprimono, quindi, in che misura (decimale o percentuale) ogni singola parte compone il tutto, o meglio il contributo che ciascuna singola parte fornisce per determinare il tutto a cui appartiene. Le informazioni cercate si ottengono solo confrontando fra loro gli indici di composizione, perché, in assenza di tale confronto, non è possibile giudicare la struttura del patrimonio dell'impresa. Viceversa gli indici di correlazione stabiliscono direttamente all'interno di ciascun rapporto matematico una correlazione fra due grandezze aventi fra loro un legame di natura patrimoniale e, quindi, il loro valore esprime immediatamente, senza bisogno di alcun confronto, le informazio