Analisi per indici del bilancio d'esercizio con formulario

Appunto inviato da animat92
/5

Appunti completi sull'analisi per indici nel bilancio d'esercizio e i principali indici di bilancio (6 pagine formato doc)

1.
Gli indici di bilancio
Dopo aver riclassificato il bilancio d’esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori, detti indici di bilancio o ration, che evidenziano ed esprimono determinati giudizi su analisi di vario tipo.
Le analisi da effettuarsi rigurdano la redditività, la produttività, seguite da un’analisi patrimoniale e finanziaria. 
L’analisi per indici è data principalmente da rapporti tra elementi, esprime infine una “chiave di lettura2 per probabili andamenti futuri che non necessariamente si verificheranno.


2. L’analisi della redditività
L’analisi della redditività individua l’entità e l’origine del reddito prodotto dall’impresa e ha come punto di partenza il conto economico redatto a valore percentuale.
Visualizza infatti con immediatezza la struttura del reddito evidenziando il contributo fornito dalle diverse aree gestionali sulla formazioni degli aggregati del costo.
Segue quindi un analisi della redditività:
-specifica, che viene eseguita da coloro i quali hanno interessi interni all’azienda (soci, lavoratori, stakeholders)
-livello medio della redditività aziendale complessiva.
L’analisi patrimoniale serve a verificare l’equilibrio tra impieghi e fonti di finanziamento.
A seconda della composizione degli impieghi determiniamo la rigidità o l’elasticità


Rigidità= Immobilizzazioni/Totale Impieghi  * 100
Elasticità= Attivo Corrente/ Totale Impieghi * 100
In generale, le strutture patrimoniali rigide sono riferibili a imprese industriali o di servizi, quelle elastiche alle imprese commerciali.
Un altro modo per detrerminare  è  Attivo Corrente/Immobilizzazioni *100
Circa un buon giudizio sull’equilibrio patrimoniale è la verifica della correlazione temporale  rispetto alle scadenze di impieghi e fonti di finanziamento, possiamo quindi determinare l’incidenza dei debiti a breve e a lungo termine.
Incidenza debiti breve termine = debiti breve termine/totale impieghi *100
Incidenza debiti lungo termine = debiti lungo termine/totale impieghi *100
Incidenza capitale proprio (indice autonomia finanziare) = capitale proprio/totale impieghi *100