Strategie aziendali e processo di pianificazione strategica

Appunto inviato da arionedrew
/5

a cosa serve la strategia, il processo decisionale, Intezione strategica, Gruppi decisionali, forze di Porter, gli strumenti delle strategie e la formula imprenditoriale (4 pagine formato pdf)

STRATEGIE AZIENDALI E PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA

La strategia veniva utilizzata nelle attività belliche (strategia militare): come organizzare le risorse in guerra.

Dopo la guerra c’era competizione tra aziende ➝ venne ripresa negli studi dell’economia aziendale (anni 60). Nel tempo si svilupparono molte definizioni - Chandler (’60) e Ansoff (’75):
- La gestione strategica dell’impresa è il sistema di decisioni da assumere nella gestione aziendale al fine di conseguire un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti ed ottenere performance superiori.
- strategia razionale e sequenziale (top management deve capire in maniera razionale cosa realizzare).
Le varie definizioni hanno elementi in comune:
- definizione di obiettivi a lungo termine;
- condivisione degli obiettivi strategici nell’azienda;
- pianificazione di azioni dirette a raggiungere gli obiettivi e creare valore;
- acquisizione delle risorse necessarie.

Pianificazione strategica: riassunto


PIANIFICAZIONE STRATEGICA ECONOMIA AZIENDALE

La strategia vincente deve adattarsi alle condizioni dell’ambiente interno ed esterno (interpretare i segnali, individuare nuovi bisogni nascosti o potenziali, proporre soluzioni innovative). Politica di marketing ≠ strategia ➝ sono delle scelte operative, si cambia l’assetto complessivo dell’impresa, modifica gli obiettivi nel lungo periodo.
“Definizione dei fini e degli obiettivi di lungo periodo,e sviluppo di attività e collocazione delle risorse necessarie per raggiungere tali obiettivi.” - Chandler.


A cosa serve la strategia?
- Redditività > costo del capitale = individuare settori remunerativi;
- Performance superiori ai concorrenti = conseguire vantaggio competitivo.
Alla base della gestione strategica c’è l’analisi strategica, per individuare le fonti di profitto per l’impresa e fare decisioni strategiche che sfruttino tali fonti.

Il processo decisionale (rapporto gerarchico tra le decisioni):
scelte strategiche ➝ di lungo periodo, le più complesse e richiedono molte risorse (vertice aziendale);
scelte tattiche ➝ riguardano le modalità di utilizzo dei fattori;
scelte operative ➝ concretizzazione della strategia aziendale.
Sono collegate tra loro: il livello superiore è un vincolo per le scelte inferiori, e i livelli inferiori collaborano per raggiungere l’obiettivo strategico. La strategia deve essere coerente nei vari livelli. Le imprese sono complesse, e le idee strategiche possono arrivare da tutti i livelli (anche dagli operai).

La pianificazione strategica: dispense


FASI PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Relazione tra strategia e politica aziendale
1. Fase di nascita dell’idea strategica: si definisce la missione aziendale e gli obiettivi strategici;
2. Fase in cui gli obiettivi si trasformano in un piano d’azione (pianificazione strategica);
3. Le politiche aziendali traducono gli obiettivi in direttive, norme e regolamenti interni.
Si sono evoluti due pensieri differenti per quanto riguarda la strategia: la strategia classica (la strategia si formula in un dato momento, la si mantiene immutata per un determinato periodo e poi la si riformula) e l’altro sulla strategia emergente (scaturisce dalla storia dell’azienda).

Differenza tra pianificazione e azione:
Formulazione della strategia:
- L’analisi dei punti di forza/debolezza (ambiente interno) e analisi minacce/opportunità (ambiente esterno);
- Generazione delle scelte strategiche alternative;
- Valutazione delle alternative;
- Scelta dell’alternativa da realizzare.