MACROECONOMIA (problematiche macroeconomiche)

Appunto inviato da littledaisy84
/5

Determinazione del reddito nazionale e il ruolo della politica fiscale; moneta e politica monetaria; il modello is-lm; il commercio internazionale. (6 pagine formato doc)

MACROECONOMIA: MACROECONOMIA (problematiche macroeconomiche): I 4 principali obiettivi macroeconomici sono: la crescita economica, il pieno impiego delle risorse (no disoccupazione), la stabilità dei prezzi (assenza di inflazione) e l'equilibrio nei confronti con l'estero (bilancia dei pagamenti).
La domanda aggregata rappresenta la spesa tot per l'acquisto di beni e servizi effettuata da un'economia in un dato periodo e si compone di 4 elementi: consumo delle famiglie (C), investimenti delle imprese (I), spesa pubblica (G), esportazioni (X). Il modello del flusso circolare del reddito ci permette di guardare agli scambi più importanti che avvengono in una data economia. Il flusso ristretto mostra i flussi diretti tra famiglia e imprese.
Dal flusso ristretto una parte viene prelevata nella forma di risparmio (S) reddito che le famiglie decidono di non spendere oggi, un'altra per pagare le tasse (T), e un'altra ancora per le importazioni (M). Allo stesso modo ci sono immissioni dall'esterno: investimenti delle imprese, spesa pubblica ed esportazioni. C'è equilibrio quando i prelievi coincidono con le immissioni. È improbabile che immissioni e prelievi ex ante coincidano. Se le immissioni superano i prelievi, il reddito nazionale aumenta, la disoccupazione tende a calare, l'inflazione tende a salire, le importazioni tendono ad aumentare e le esportazioni a diminuire (e quindi bilancia dei pagamenti in deficit). Se i prelievi superano le immissioni accadrà il contrario. La crescita reale deve essere distinta dalla crescita potenziale. Il tasso di crescita reale è misurato dal tasso di crescita della produzione effettivamente realizzata, mentre la crescita potenziale è misurata con il tasso di crescita della capacità produttiva dell'economia. La crescita reale varia nel corso del ciclo economico. Il ciclo può essere diviso in 4 fasi: la ripresa, l'espansione, il rallentamento e la recessione. In pratica la durata e la dimensione di queste fasi sono variabili, per cui il ciclo è irregolare. La crescita reale è determinata dalla crescita potenziale e dalla domanda aggregata. Se la produzione reale è al di sotto di quella potenziale, la crescita effettiva può temporaneamente superare quella potenziale, ammesso che la domanda aggregata la sostenga. Nel lungo periodo, invece la produzione effettiva potrà crescere solo alla velocità consentita dalla capacità produttiva. La crescita potenziale è influenzata dal tasso di crescita della quantità di risorse, capitale, lavoro, terra e materie prime, e dalla produttività di tali risorse. La disoccupazione può essere un fenomeno di equilibrio o di disequilibrio. Si ha disoccupazione di disequilibrio in tre situazioni: quando il salario reale medio è al di sopra del livello di equilibrio, situazione che può essere dovuta al potere di mercato dei sindacati (disoccupazione da salario reale); quando c'è insufficiente domanda aggregata (disoccupazione da carenza di domanda); in seguito ad un aumento dell'offerta di l