Fattori produzione

Appunto inviato da althor
/5

FATTORI DELLA PRODUZIONE E LORO REMUNERAZIONE (3 pagine formato doc)

TESINA DI ECONOMIA POLITICA I FATTORI DELLA PRODUZIONE E LORO REMUNERAZIONE Per soddisfare i bisogni che generano il consumo ( distruzione o diminuzione dell'utilità accumulata nei beni) e necessario produrre.
La produzione è l'attività economica che ha la funzione di accrescere l'utilità dei beni; produzione e consumo sono pertanto due attività fra loro collegate: il consumo fa nascere domanda di beni e questa fa da stimolo alla produzione. Il risultato di un'attività produttiva si chiama prodotto, e può essere tanto un bene di consumo quanto un altro mezzo di produzione, pronto ad essere usato in successivi processi produttivi; il risultato può essere un bene materiale ma anche immateriale, cioè un servizio. Per produrre sono necessari alcuni fattori che, combinati in un giusto rapporto, costituiscono l'azienda, coordinati fra loro e fatti agire, danno vita all'impresa.
Detti fattori produttivi sono: beni naturali; lavoro; capitale; organizzazione. I beni naturali: il fattore natura è l'insieme della terra e delle risorse naturali preesistenti all'attività dell'uomo, intrasferibili e irriproducibili, di cui l'uomo può disporre senza che vi abbia concorso la sua opera. Si definisce rendita la remunerazione spettante al proprietario ( o al titolare di altri diritti reali, o al possessore) dei beni naturali impiegati in una qualche unità produttiva. I beni naturali sono stati però in gran parte modificati dall'uomo per essere resi più funzionali; gli agricoltori hanno investito sulla terra capitali e lavoro per un suo più redditizio sfruttamento e analoghi investimenti sono stati fatti su beni naturali destinati ad altre attività produttive (estrazione di minerali). Quando sui beni naturali vengono investiti stabilmente capitali per esaltarne la produttività, il reddito derivante al proprietario viene chiamato beneficio fondiario ( rendita che remunera il fattore natura + interessi che remunerano il capitale investito). Il lavoro: è l'attività dell'uomo, fisica o mentale, volta alla produzione. Tradizionalmente viene fatta distinzione fra lavoro manuale, che è quello esecutivo di operazioni materiali, e lavoro intellettuale, che è quello adibito all'amministrazione, al comando, al controllo. Tale divisione, basata sulla prevalenza dell'impegno manuale o intellettuale nella prestazione, porta a distinguere tra loro operai, impiegati e classe dirigente, ed è legata non solo al diverso tipo di preparazione professionale fra le categorie di lavoratori, ma anche a un diverso sistema di retribuzione. Sono chiamati salari le retribuzioni degli operai e stipendi quelle degli impiegati e dei dirigenti. Un' altra distinzione del lavoro è quella fra lavoro subordinato (o dipendente) e lavoro autonomo; nel primo caso il lavoratore da le sue prestazioni nel rispetto delle modalità tecniche e organizzative dell'impresa, e riceve in cambio la retribuzione pagata dal datore di lavoro. Nel secondo caso il lavoratore è più libero nelle proprie scelte però non ha l