Diritto Internazionale Privato

Appunto inviato da jennyblue
/5

Appunti vari sul diritto internazionale privato (diritto di azione e requisiti dello stesso). (9 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

Untitled 1.
Il diritto internazionale privato è una parte del diritto interno dei singoli Stati. Esistono sistemi profondamente diversi gli uni dagli altri. Il problema è allora quello di far quadrare insieme sistemi di diritto internazionale privato. Questo è (rimane) una parte del diritto interno italiano la quale si occupa dei conflitti di legge . L'art.1 della legge 218/95 testualmente recita:(Oggetto della legge)-“La presente legge determina l'ambito della giurisdizione italiana, pone i criteri per l'individuazione del diritto applicabile e disciplina l'efficacia delle sentenze e degli atti stranieri.” I conflitti di giurisdizione appartengono al diritto processuale civile internazionale. Il giudice si trova a dover risolvere una controversia relativa a problemi di estraneità: deve decidere se applicare il diritto italiano o quello straniero.
Le norme di diritto internazionale privato ci vengono date dalla legge 31 maggio 1995 n°218 la quale consta di 74 articoli suddivisi in 5 titoli. Sent. Trib. Genova 11 settembre 1997: Comely petroly international company (anni di gestione 1990/91) con sede nelle Antille olandesi ( isola di Curesan). Gli attori sono i dirigenti della società mentre i convenuti sono gli amministratori. Perché questa causa arriva davanti al giudice italiano? La società afferma la competenza del giudice italiano e di questo tribunale poiché nella circoscrizione hanno residenza e domicilio i convenuti. L'art.3, comma 1 della legge 218/95 afferma: “La giurisdizione italiana sussiste quando il convenuto è domiciliato o residente in Italia o vi ha un rappresentante che sia autorizzato a stare in giudizio a norma dell'art. 77 del codice di procedura civile e negli altri casi in cui è prevista dalla legge”. Il giudice ha quindi giurisdizione ed è competente. Ma, a questo punto, quale sarà la legge da applicare? La legge italiana oppure quella straniera? In questo caso specifico il giudice afferma che la legge da applicare deve essere quella del foro. La competenza a decidere sulla materia specifica è, nel caso di specie, del giudice italiano, pur tuttavia il giudice afferma che il diritto competente è quello delle Antille olandesi in virtù dell'art,25 della L.218/95 (il quale dispone che si applica la legge dello Stato nel cui territorio è stato perfezionato il procedimento di costituzione). Occorrerà allora operare un collegamento tra i due ordinamenti. Come fa il giudice italiano a conoscere il diritto delle Antille? Dottrina e giurisprudenza sono divise. Un suggerimento arriva dall'art.14 della 218/95 il quale afferma:1 “L'accertamento della legge straniera è compiuto d'ufficio dal giudice. A tal fine questi può avvalersi , oltre che degli strumenti indicati dalle convenzioni internazionali, di informazioni acquisite per il tramite del Ministero di grazia e giustizia ; può altresì interpellare esperti o istituzioni specializzate.2 Qualora i giudice non riesca ad accertare la legge straniera indic