Appunti di Geografia Economica

Appunto inviato da alepa
/5

Appunti di geografia economica:la localizzazione dei settori produttivi nel territorio,i trasporti e le comunicazioni,i flussi finanziari e gli indici di sviluppo.(formato word 21 pg) (0 pagine formato doc)

GEOGRAFIA ECONOMICA GEOGRAFIA ECONOMICA ALCUNI CONCETTI E DEFINIZIONI LA GEOGRAFIA La geografia studia il territorio intendendolo come una realtà organizzata, cioè come un insieme di elementi naturali ed umani organizzati tra loro e in rapporto reciproco che tendono ad un fine comune, cioè al soddisfacimento della domanda da parte dell'offerta (TEORIA SISTEMICA).
ES. organizzazione dei servizi che offre una città come Milano. La geografia analizza i rapporti tra i diversi fenomeni che costituiscono il territorio. Essi non sono immutabili e fissi, ma variano nel tempo sia dal punto di vista quantitativo (es. n° della popolazione) che qualitativo (es.
composizione della popolazione secondo il reddito). Es.: mutamento della localizzazione dei vari elementi: decentramento industriale legato alla rilocalizzazione. Possiamo intendere la geografia come una scienza di rapporti, di relazione di elementi e non di singole categorie di elementi. La singola categoria di elementi è studiata piuttosto da altre discipline che sono specializzate in quello studio. La demografia, ad esempio, studia la popolazione considerando le sue caratteristiche e introducendo degli indicatori come l'indice di natalità, di mortalità, etc… La geografia, invece, studia la popolazione in relazione ad altre categorie di fenomeni (es. spostamenti della popolazione in relazione alle condizioni economiche e sociali). LE DISCIPLINE DELLA GEOGRAFIA La geografia si può dividere in due grandi branchie molto distinte ma allo stesso tempo collegate tra loro che sono: GEOGRAFIA FISICA: studia gli elementi di tipo naturalistico e si divide in altri settori più piccoli come la geomorfologia, la geografia astronomica e la geotesia. GEOGRAFIA UMANA: studia gli aspetti antropici, cioè quegli aspetti legati all'uomo, alla sua storia, le origini, le razze,… Fa parte di questa branchia la GEOGRAFIA ECONOMICA che si occupa dell'analisi territoriale derivante dai fenomeni economici. La geografia economica studia le proiezioni territoriali dei fatti economici (inerenti produzioni, consumo, mercati, flussi) all'interno della geografia economica ci sono degli altri settori di studio come la geografia dell'agricoltura e dell'industria, la geografia dei trasporti e del turismo,… TERRITORIO COME SISTEMA ORGANIZZATO MA ANCHE COME REALTÀ DINAMICA I fattori esterni che incidono sull'organizzazione territoriale sono di due ordini: NATURALI sono le condizioni climatiche, l'assetto geologico (es. morfologia del territorio, pianure,…). ANTROPICI o UMANI sono tutti quei fattori che imprimono un certo orientamento al sistema come le manifestazioni della cultura, i modelli economici seguiti, le istituzioni, la legislazione e la struttura della società. IL PROBLEMA DELLA SCALA Partiamo dalla cartografia. Negli atlanti e in generale nella cartografia è fissata una SCALA: numeri che in genere rappresentano un segmento e stanno ad indicare il rapporto tra la superficie effettiva e la superfici