Attività giuridica

Appunto inviato da mau78
/5

Rapporto giuridico(situazioni soggettive attive e passive) (formato word pg 2) (0 pagine formato doc)

IL RAPPORTO GIURIDICO: relazione tra 2 o più soggetti nell'ambito della quale uno o più soggetti assumono DIRITTI (DIRITTO SOG IL RAPPORTO GIURIDICO relazione tra 2 o più soggetti nell'ambito della quale uno o più soggetti assumono DIRITTI (DIRITTO SOGGETTIVO) o comunque si collocano in una situazione attiva e l'altro assume prevalentemente OBBLIGHI (DIRITTO OGGETTIVO) in quanto inserito in una situazione passiva perché subisca la tutela della parte attiva.
Soggetto attivo: è colui a cui l'ordinamento giuridico attribuisce il potere (o diritto soggettivo); Soggetto passivo: è colui a carico del quale sta il dovere Terzo: chi non è parte o non è soggetto di un rapporto giuridico; regola generale è che il rapporto giuridico non produce effetti né a favore né a danno del terzo. Il rapporto giuridico non è che una figura di una categoria più ampia: la situazione giuridica.
La norma giuridica prevede fattispecie a cui annette determinate conseguenze giuridiche. SITUAZIONI SOGGETTIVE ATTIVE È un complesso di POTERI GIURIDICI che vengono riconosciuti al titolare della situazione attiva per agire in tutela del proprio interesse. Si caratterizza perché tendenzialmente è destinataria di diritti e poteri che sono prevalenti rispetto ad obblighi e doveri (quindi non si esclude la presenza di obblighi e doveri nel soggetto attivo) questo perché la tutela non si orienta prevalentemente verso una parte ma tendenzialmente è in maniera maggiore verso la parte attiva. Diritto soggettivo: potere di agire giuridicamente nel proprio interesse, quindi si realizza la più ampia protezione dell'interesse del singolo al quale al tempo stesso, si riconosce una situazione di libertà; Potestà: potere attribuito al soggetto di agire a tutela dell'interesse altrui; Facoltà: potere di escludere altri dal godimento della cosa in cui si sostanzia il diritto di proprietà; Status: si ricollega alla qualità di una persona in quanto cittadina, per cui alcuni diritti ed alcuni doveri sono riconducibili direttamente ad essa; Aspettativa: è un interesse preliminare del soggetto, tutelato in via provvisoria e strumentale, ossia quale mezzo al fine di assicurare la possibilità del sorgere dei diritti; Diritto potestativo: attribuisce al titolare il potere di incidere con un'attività positiva, sul patrimonio di un altro soggetto senza che esso si possa opporre. L'esercizio del diritto soggettivo deve essere distinto dalla sua realizzazione, che consiste nell'attuazione, nella soddisfazione dell'interesse protetto. La realizzazione dell'interesse può essere spontanea o coattiva:quest'ultima si verifica quando occorre far ricorso ai mezzi che l'ordinamento predispone per la tutela del diritto soggettivo. DIRITTI ASSOLUTI: garantiscono al titolare un potere che egli può far valere verso tutti (erga omnes): diritti reali: i diritti su una cosa. Essi attribuiscono al loro titolare una signoria, piena (proprietà) o limitata (diritti reali sulla cos altrui), su un bene. Gli altri soggetti devono