Bilancio di verifica - ulteriore esempio

Appunto inviato da paolobuemi
/5

Altro esempio di Buemi sul bilancio di verifica - word, 3 pagine (0 pagine formato doc)

Untitled Il bilancio di chiusura(da non confondere con il bilancio di verifica)e' composto dallo Stato patrimoniale, dal Conto economico e dalla nota integrativa.
Il bilancio di chiusura o consuntivo viene redatto alla fine del periodo amministrativo dopo che tutti i conti sono stati chiusi, cosa che avviene dopo le scritture di chiusura che come già visto sono le operazioni di rettifica di imputazione(ratei, partite da liquidare, trattamento di fine rapporto e imposte sul reddito),di rettifica di storno(risconti, capitalizzazione di costi, variazioni di magazzino),di rettifica di valore(ammortamenti, svalutazioni), e infine gli accantonamenti per rischi ed oneri. Al contrario del bilancio di chiusura il BILANCIO DI VERIFICA può essere redatto in ogni momento e contiene il “rendiconto della situazione sia finanziaria, che patrimoniale che economica in un unico documento che e' appunto lo stesso BILANCIO DI VERIFICA.
Il bilancio di verifica e' composto da 4 colonne le quali contengono : 1°:i codici dei conti 2°:la denominazione dei conti 3°:i saldi dare 4°:i saldi avere Necessariamente alla fine della costruzione di un bilancio di verifica il totale dei saldi dare deve essere a pareggio con il totale dei saldi avere. Per costruire un bilancio di verifica si può essere o meno vincolati nel senso che il testo dell'esercizio può imporci dei valori di alcuni conti oppure darci liberta' di scelta. La costruzione di un bilancio di verifica avviene mediante fasi successive le quali sono: 1°:INSERIRE I VINCOLI CHE DERIVANO DAL TESTO(inserire sia i conti che gli importi). 2°INSERIRE QUEI CONTI CHE, ANCHE SE NON VINCOLANTI, DEVONO NECESSARIAMENTE FIGURARE NELLA CONTABILITA' DI UNA SOCIETA' INDUSTRIALE(si presumono ad esempio le immobilizzazioni come gli impianti o i macchinari o il patrimonio netto o dei crediti e debiti o le retribuzioni ecc…). 3°:INSERIRE DEI CONTI FACOLTATIVI(3 o 4 al massimo per non crearsi dei problemi in una fase successiva al bilancio di verifica, cioè nelle scritture di chiusura; la funzione principale di questi conti facoltativi e' quella di fare quadrare i conti alla fine della redazione del bilancio stesso). 4°:INSERIRE I VALORI PER OGNI CONTO(tenere presente che vi sono molti conti che sono collegati gli uni agli altri e che quindi l'inserimento di alcuni valori in un conto influenza il valore da attribuire al conto collegato; inoltre bisogna tenere presente che per tutti quei valori che sono collegati fra di essi bisogna dare una spiegazione a margine del bilancio stesso di come si e' giunti al valore steso attribuitogli). 5°:FARE LA QUADRATURA DEL BILANCIO DI VERIFICA(consiste in pratica a raggiungere lo scopo che e' quello di pareggiare i saldi dare con quelli avere). NOTA BENE:ALCUNI CONTI SONO INFLUENZATI DAL MOMENTO IN CUI E' REDATTO IL BILANCIO DI VERIFICA ED INOLTRE NEL REDIGERE UN BILANCIO DI VERIFICA BISOGNA IMMETTERE VALORI CHE SI AVVICININO IL PIU' POSSIBILI AL VERO(nel senso che se ho dei ricavi su ven