Economia: analisi costi e benefici

Appunto inviato da giov8
/5

Cos'è l'analisi costi-benefici? Spiegazione ed esempio (3 pagine formato doc)

ANALISI COSTI E BENEFICI: COS'E'

Analisi costi e benefici.

Alla base dell’analisi costi e benefici c’è l’economia del benessere. L’economia del benessere, che studia l’ottimo impiego delle risorse disponibili per massimizzare il benessere della collettività, sta alla base dell’analisi costi e benefici e la concezione economica - neoclassica e alla base dell’economia del benessere.
L’analisi costi e benefici è un metodo diretto a razionalizzare le decisioni circa gli interventi pubblici, in particolare circa i progetti di investimento è basata sulle valutazioni ( preferenza ) individuali.
La nozione di preferenza individuale che è pertinente all’analisi costi benefici è la preferenza che è registrata in un mercato o  che sarebbe registrato  se vi fosse un mercato ( disponibilità a pagare da parte del consumatore ). Così i benefici furono collegati al principio del reddito dei consumatori di Dupuit, Marshall, ed altri.
La classificazione in termini di benefici sociali netti venne giustificato in termini dei criteri di Vilfredo Pareto per la massimizzazione del benessere.
Si dice che esiste un miglioramento pareto se uno  più individui in una società possono essere migliorata la propria condizione cioè raggiungere una condizione preferita rispetto all’attuale, senza che nessun altro individuo venga a stare peggio; ne segue che un ottimo paretiano esista se alcuni individui possono accrescere il proprio benessere a spese di altri individui.
Con al compensazione di Kalder – Hicks si tende ad ovviare a ciò che avviene in pratica.
Gli investimenti recano benefici ad alcuni e danni ad altri, con la compensazione si avrebbe un miglioramento pareto.
L’analisi costi e benefici si propone di descrivere quantificare in termini di un’unità monetaria comune i vantaggi e gli svantaggi sociali di una certa politica economica.

Appunti di microeconomia

ANALISI COSTI E BENEFICI: ESEMPIO

Esempio: Se dovessimo costruire una nuova autostrada si avrebbero:
-    per il singolo:  dei costi di produzione, manutenzione, e, qualora lo mettessimo, un pedaggio ovvero si ha un ricavo.
-    Se lori feriamo agli altri, allora si avranno dei benefici per la collettività.
-    Ricavi    →    risparmio di tempi di trasporto;
-    Costi    →    inquinamento ambientale.?.
Osserviamo ora la seguente variabile obiettivo di efficienza, ovvero BSN:
Max BSN = Benefici W.T.P + costi
Dove:     
?    BSN sta ad indicare i Benefici Sociali Netti;
?    i benefici vengono valutati secondo W.T.P,  ovvero secondo la disponibilità a pagare da parete del consumatore.
In Italia l’introduzione dell’analisi costi benefici nel processo di allocazione delle risorse pubbliche avviene con la legge del 16 aprile 1982  n° 182.


L’analisi costi benefici stima progetti di investimento da farsi, quindi compie un lavoro di previsione. Ricerca fra più progetti quello più utile alla collettività, è utilizzato quasi esclusivamente per gli investimenti pubblici.