Economia politica, micro e macroeconomia

Appunto inviato da aura
/5

Appunto sintetico ma completo per il corso di Microeconomia e macroeconomia. (file.doc, 35 pag) (0 pagine formato doc)

Microeconomia Economia politica Microeconomia Microeconomia: analisi del comportamento dei singoli elementi di un sistema economico.
Teoria del consumo Teoria delle scelte del consumatore Gli economisti assumono che i consumatori scelgono la combinazione migliore (secondo i gusti e le preferenze del consumatore) di beni tra quelle che possono acquistare. Ciò che il consumatore può acquistare dipende dal suo reddito (M) e dai prezzi dei beni (Pa e Pb) Al riguardo supporremo che: esistono solo due beni: a e b i prezzi dei beni sono dati: Pa e Pb; il consumatore ha una somma di denaro da spendere (reddito) che anch'essa è data e che si suppone che il consumatore spenda tutta: M. Vincolo di bilancio L'insieme delle alternative possibili lo chiameremo paniere (combinazioni del bene x e del bene y).
Se le combiniamo otteniamo il cosiddetto vincolo di bilancio: VINCOLO DI BILANCIO ? Pa * xa + Pb * xb = M che, aggiustando i termini in modo da ottenere una equazione per xb in funzione di xa si può scrivere anche così: xb = dove M / Pb è l'intercetta con l'asse y -Pa / Pb è l'inclinazione della retta (negativa). La linea di bilancio è tanto più inclinata quanto maggiore è il prezzo relativo. In conclusione, si può dire, che i panieri sul vincolo di bilancio costano esattamente M; i panieri sotto il vincolo di bilancio (insieme di bilancio) costano meno di M; - Come varia al variare di M? Si sposta parallelamente verso destra se M aumenta. Si sposta parallelamente verso sinistra se M diminuisce. - Come varia al variare di Px ? Se Px aumenta l'inclinazione aumenta. Se Px aumenta l'inclinazione diminuisce. Le preferenze Qual'è la combinazione migliore? Per rispondere bisogna parlare delle preferenze del consumatore. Il consumatore è in grado di ordinare le alternative, i panieri di beni, a seconda della loro desiderabilità, ha cioè un ordinamento delle proprie preferenze. Per costruire un modello del consumatore si deve tenere conto di alcuni postulati: completezza: il consumatore, posto di fronte a due alternative qualsiasi, è sempre in grado di indicare quale delle due preferisce, oppure se è indifferente tra le due. Implica che il consumatore sappia sempre scegliere. Non può rimanere in uno stato di indecisione; riflessività, dati due panieri uguali il consumatore non può preferire; transitività (o coerenza), significa che, date tre alternative qualsiasi, se la prima è preferita alla seconda e la seconda alla terza, allora la prima è preferita alla terza. Le curve di indifferenza Sono il luogo delle combinazioni dei beni x e y che il consumatore ritiene tra loro indifferenti. Riguardo alle curve di indifferenza esistono due ipotesi che riguardano solo esse: non sazietà: essa afferma che, a parità della quantità di un bene, il consumatore preferisce quei panieri che contengono quantità maggiori dell'altro bene (il più è preferito al meno). Sulle curve di indifferenza, questa ipotesi implica che esse siano decrescenti, perché man mano che aumenta la disponi