L'organizzazione economica

Appunto inviato da nowandthen
/5

Comprare vendere, denaro, il capitalismo, scambio, il commercio (3 pagine formato doc)

L'organizzazione Economica L'organizzazione Economica ECONOMIA (senso stretto) = ripartizione di mezzi limitati per scopi concorrenziali.
Gli esseri umani tendono ad economizzare = ripartire risorse limitate in modo da ottenere il massimo nella realizzazione di determinati scopi con il minimo sforzo. ECONOMIA (senso ampio) = attivit?a cui deriva l'approvvigionamento di una societ?n beni e servizi.   Un'economia ?n insieme di attivit?stituzionalizzate che fondono risorse naturali, lavoro umano e tecnologia, per acquisire, produrre e distribuire beni materiali e servizi specializzati in modo strutturato e ripetitivo.   Culture diverse prendono in considerazione beni e servizi differenti e favoriscono o inibiscono distinti tipi di rapporto fra coloro che li producono, scambiano e consumano.
Alcune societ?anno pi?portanza alla propriet?omune, altre a quella privata.   Metodi di produzione = caratterizzati dal modo in cui una data tecnologia viene applicata a un determinato ambiente per produrre l'energia da cui dipende la vita sociale. RELAZIONI PRODUTTIVE comprendono elementi quali lo scambio e il consumo di prodotti e servizi, la propriet? il controllo differenziato del lavoro e l'accesso alla tecnologia, le risorse naturali e la divisione del lavoro stesso (da finire)   SCAMBIO: Ci?e viene prodotto dal lavoro umano ?istribuito attraverso lo SCAMBIO sottintende il modello di comportamento, diffuso in tutta l'umanit?del dare e del ricevere oggetti o servizi di un certo valore. i modelli di scambio differiscono notevolmente da una cultura all'altra. ·         Vi sono tre tipi di scambi: 1) reciproco; 2) ridistribuivo; 3) di mercato.   SCAMBIO RECIPROCO: dare o ricevere prodotti e servizi non ?oggetto ad una precisa contropartita. Le parti interessate allo scambio prendono secondo i propri bisogni e rendono senza uniformarsi ad un insieme di regole basate sul tempo e sulla quantit?societ?i cacciatori - raccoglitori e agricole) - Le forme di scambio reciproco hanno luogo in TUTTE LE CULTURE in particolare fra parenti e amici. Nelle economie governate dalla reciprocit?uno scambio molto sbilanciato non passa inosservato. ELEMENTO DISTINTIVO DI QUESTO TIPO DI SCMBIO = non c'?estituzione immediata, non si calcola sistematicamente il valore dei servizi e dei prodotti scambiati. Nessuna cultura pu?sarsi su sentimenti puramente altruistici per ottenere la produzione e distribuzione di beni e servizi.   RECIPROCITA' E COMMERCIO: Tra i piccoli gruppi e la gente dei villaggi, le trattative economiche fra NON parenti si basano sull'assunto che ognuno cercher?i trarre il maggior profitto dallo scambio attraverso imbrogli e ruberie. Un meccanismo per facilitare gli scambi fra gruppi distanti ?uello chiamato COMMERCIO SILENZIOSO. In modo da stabilire oltretutto relazioni commerciali pi?iluppate. Soluzione per coloro che commerciano al di fuori dei legami parentali = stabilire una speciale ASSOCIAZIONE COMMERCIALE in questo modo i componenti di diversi gruppi si con