L'educazione fisica tra le due guerre mondiali

Appunto inviato da roby007
/5

Approfondimento sullo sviluppo dell'educazione fisica tra le due guerre mondiali in Italia (3 pagine formato pdf)

Nei primi anni del '900, il tema dell'educazione fisica è sempre più vivo: si vogliono
mostrare i vantaggi, i principi e i metodi di una ginnastica educativa e razionale, e
soprattutto si vogliono educare i giovani alla pratica di questa disciplina.


Proprio in questi anni viene approvata la legge n.805 del 26 dicembre 1909, a cura
del  Ministro  Daneo:  con  la  sua  approvazione  si  rende  obbligatorio  l'esercizio
dell'educazione fisica in tutte le scuole elementari, medie e superiori, l'obbligo per
chiunque  voglia  diventare  insegnante  di  seguire  corsi  per  l'insegnamento
dell'educazione  fisica  e  la  creazione  di  scuole  apposite  per  futuri  insegnanti  di
educazione fisica.

Purtroppo molti motivi,  tra  cui la  situazione  internazionale  data dall'arrivo della
guerra, non consentiranno le applicazioni richieste e i risultati desiderati.


La prima guerra mondiale porta a una condizione penosa: dopo la guerra gli impianti
sono insufficienti, gli insegnanti inadeguati, i programmi vecchi,e la disciplina è
lasciata ovunque al più completo abbandono.
.