Regole del basket: riassunto

Appunto inviato da marcodb88
/5

La pallacanestro è uno sport di squadra che si gioca con un pallone su un campo rettangolare dalla superficie di parquet o di materiale sintetico. Ruoli e regole del basket: riassunto (11 pagine formato doc)

REGOLE DEL BASKET: RIASSUNTO

Pallacanestro.

Sport di squadra che si gioca con un pallone normalmente su un campo rettangolare (28 x 15 m) dalla superficie di parquet o di materiale sintetico. È universalmente noto anche nella sua denominazione anglofona: basket.
Il campo, la squadra e il punteggio
Il campo di gioco è diviso in due parti da una linea al cui centro è tracciato un cerchio di 1,80 m di raggio. Ogni metà campo è divisa da una linea, oltre la quale i tiri a canestro valgono tre punti, dall'area dei tiri liberi (cioè quelli che vengono effettuati a gioco fermo in seguito a un fallo) e dalla zona dei tre secondi.

Tesina sul basket: regole e ruoli del gioco


IL BASKET: RIASSUNTO

L'obiettivo del gioco è segnare punti: questi si realizzano lanciando il pallone all'interno di un canestro, formato da un anello di ferro e da una rete in corda senza fondo; il canestro, collocato a 3,05 m da terra, è sostenuto da un tabellone fissato al terreno da lunghi sostegni.
La pallacanestro è giocata da due squadre di 5 giocatori, generalmente un regista o playmaker, una guardia, un pivot e due ali.

La composizione del quintetto può comunque cambiare più volte a seconda delle esigenze tattiche anche nel corso della gara. Per un gioco in velocità sono preferibili i giocatori agili e tecnici e quindi un allenatore può decidere di schierare un'ala in meno e una guardia in più; se si deve puntare sulla potenza atletica, si possono schierare anche due pivot, ovvero giocatori molto alti e forti fisicamente, in grado di presidiare l'area sotto canestro.

Storia del basket e regole del gioco: riassunto


BASKET: RUOLI

Al playmaker è affidata l'impostazione degli schemi di gioco, che nella pallacanestro sono numerosi e molto elaborati: fondamentali sono, infatti, i movimenti individuali e collettivi senza palla che servono a smarcarsi, cioè a liberarsi dal controllo dell'avversario per il tempo sufficiente a tirare a canestro o ad acquisire un piccolo vantaggio di spazio.
Una partita si svolge in due tempi di 20 minuti di gioco effettivo (ogniqualvolta si ferma l'azione il tempo viene fermato), con una pausa di 10 minuti. In caso di parità al termine dell'incontro, sono previsti due tempi supplementari di cinque minuti. Durante la partita, inoltre, sono previste diverse pause di 1 minuto (time-out o minuto di sospensione) nelle quali l'allenatore può comunicare alla squadra nuove disposizioni di gioco. Vince la squadra che nel corso dei due tempi realizza più punti.

Storia della pallacanestro: tesina


PALLACANESTRO: REGOLE E RUOLI

I canestri hanno un valore differente a seconda di come e da dove vengono realizzati: valgono un punto se segnati con un tiro libero; due punti se eseguiti durante un'azione di gioco; tre punti se realizzati tirando al di là della linea dei tre punti. La squadra in attacco ha a disposizione 30 secondi per impostare e concludere l'azione d'attacco, pena la perdita del possesso della palla.
La tecnica
Gli elementi tecnici fondamentali nel gioco della pallacanestro sono il palleggio, il passaggio, il tiro, il terzo tempo, la schiacciata, il rimbalzo e la stoppata.
Il palleggio serve per avanzare e si esegue facendo rimbalzare continuativamente la palla sul terreno con una mano e senza mai accompagnarla. È un gesto tecnico tipico dei playmaker o delle guardie. Generalmente il palleggio viene eseguito con una mano mentre il resto del corpo si frappone a difesa del pallone.
Il passaggio si effettua con le mani in vari modi al fine di far giungere la palla a un compagno; quando il passaggio mette in condizione il compagno di andare a canestro con un tiro o con una schiacciata il passaggio prende il nome d’assist.