Antropologia del linguaggio

Appunto inviato da 666giusy666
/5

Sintesi approfondita del libro "Antropologia del linguaggio" di Alessandro Duranti (27 pagine formato doc)

Capitolo I

Natura e ambito dell'antropologia del linguaggio

Definizioni

L'antropologia del linguaggio verrà concepita in questo manuale come risorsa culturale e del parlare come pratica culturale.
Si tratta di un campo di studi intrinsecamente interdisciplinare. Il suo obbiettivo generale è riuscire a comprendere i multiformi aspetti della lingua come insieme di pratiche culturali,cioè come sistema di comunicazione che non solo consente di creare rappresentazioni interpsichiche(tra due o più individui) e intrapsichiche (in uno stesso individuo ) dell'ordine sociale , ma aiuta i parlanti a farne uso nel costruirsi di atti sociali essenziali. Cosi gli antropologi del linguaggio cercano di realizzare descrizioni basate su dati etnografici ,di strutture linguistiche usate da gente reale ,in un tempo e uno spazio reali.

Ciò significa che l'antropologia del linguaggio considera i propri oggetti di studio -cioè i parlanti- come degli attori sociali
.
Il semplice fatto di aver redatto un resoconto scritto della grammatica di una lingua parlata da un popolo senza scrittura non basta per attribuire a chi lo ha realizzato la qualifica di antropologo ; ogni progetto di ricerca in antropologia del linguaggio ,infatti,è caratterizzato piuttosto da metodi e obbiettivi particolari ,che lo distinguono da un semplice studio di ricerca,da un lato,e da un resoconto etnografico dall'altro. Ciò che contraddistingue gli antropologi del linguaggio e li distingue dagli altri studiosi della lingua non è soltanto l'interesse per l'uso linguistico ma piuttosto il fatto di incentrare la propria ricerca sulla lingua intesa come insieme di risorse simboliche che sono parte integrante del costruirsi del tessuto sociale e della rappresentazione individuale di mondi reali o possibili.

Molti antropologi culturali continuano a considerare la lingua innanzi tutto un sistema di classificazione e rappresentazione: quando nelle etnografie compaiono delle forme linguistiche il loro uso tende ad essere quello di etichette che stanno per alcuni significati preesistenti ed indipendenti da esse. Al contrario gli antropologi del linguaggio si fanno interpeti di una visione della lingua come insieme di pratiche, mezzo attraverso cui è possibile mediare tra gli aspetti ideativo e materiale dell'esistenza umana dando vita a particolari modi di essere nel mondo(aspetto dinamico della lingua).