Filologia germanica

Appunto inviato da lizjailbreak
/5

Approfonditi appunti ricavati dal manuale introduttivo, che coniugano storia dei popoli germanici e evoluzione dei fonemi linguistici propri delle lingue germaniche (24 pagine formato pdf)

Il primo filologo, amante della parola, fu Eratostene di Cirene (III sec.
a.C.); filologo è colui che studia un’opera analizzandone l’aspetto testuale e grammaticale, secondo le indicazioni della celebre scuola filologica fiorita ad Alessandria d’Egitto, che ricercava, ricostruiva e commentava i testi antichi.



Col Rinascimento e poi col Romanticismo alla disciplina venne riconosciuto il merito di indagare in senso storico su una civiltà attraverso i testi letterari e i documenti che ha prodotto.


I diversi campi, i principali, in cui la filologia opera sono:



° Classico: civiltà greca e latina
° Romanzo: mondo romanzo
° Slavo: area slava
° Semitico: area semitica


La filologia germanica si occupa dell’area occupata dalle antiche popolazioni
germaniche (oggi Islanda, Inghilterra, Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Svezia e
Norvegia) e delle varie manifestazioni della loro cultura.


L’azione preliminare quando si intraprende uno studio filologico è il recupero del testo, che deve essere riportato alla sua originale autenticità, affinchè possa considerato effettiva espressione di una civiltà in un determinato periodo della sua storia.


Per discernere i vari aspetti di una cultura bisogna necessariamente avvalersi di svariate discipline specifiche, quali l’antropologia, la storia, la geografia..