La filologia germanica: cos'è e cosa studia

Appunto inviato da malles
/5

Cos'è e cosa studia la filologia germanica? Appunti dettagliati sulla filologia germanica, miti e leggende, testimonianze germaniche (53 pagine formato docx)

FILOLOGIA GERMANICA COS'E' E COSA STUDIA

La filologia germanica.

Il termine filologia deriva dal greco ed ha il  significato originario di “Amore per il discorso”.
Ma in realtà la filologia oggi si pone l’obiettivo di interpretare le testimonianze scritte allo scopo di ricostruire l’autenticità dei testi, testi nel senso di documenti scritti di qualsiasi tipo non solo di tipo letterario  (Metodo di analisi anche di testi contemporanei).
L’obiettivo è quindi quello di stabilire l’autenticità di questi testi.
Per capire bene un testo ci si deve occupare anche delle manifestazioni culturali di una civiltà. (contesto)
Le altre discipline di ausilio alla filologia sono: La linguistica, la paleografia (studio dei testi antichi), l’archeologia.
La disciplina è ampia e per questo è necessario parlare di famiglie linguistiche.

La filologia germanica ha come limite cronologico l’anno mille, questa è una convenzione italiana.
Oggi si cerca di sfondare questo limite e di spingersi ad anni più recenti.

Appunti di filologia germanica

FILOLOGIA GERMANICA, APPUNTI

C’è un settore della filologia: La critica testuale ha come obiettivo di prendere testi/manoscritti, per cercare di capire qual è il testo più vicino al testo originale (quello nella forma più corretta ed affidabile possibile) rende i testi leggibili, comprensibili agli altri studiosi.
Beowulf: è il primo testo in volgare della letteratura anglosassone.
Uno degli aspetti dello studio della filologia è la linguistica.

FILOLOGIA E LINGUISTICA GERMANICA

LE FAMIGLIE LINGUISTICHE
1.    Le lingue germaniche moderne
-    Inglese
-    Tedesco
-    Frisone: parlata come lingua ufficiale in Frisonia, nella bassa Sassonia e in alcune zone della bassa Germania
-    Neerlandese: A sua volta si divide in: Olandese (parlato in Olanda), fiammingo (Parlato in Belgio) e africaans (parlato in Sudafrica).
2.    Le lingue nordiche
•    Svedese
•    norvegese
•    islandese
•    Feringio
Il finlandese non è indoeuropeo ma è ungro-finnico.
Più andiamo indietro nel tempo, più ci accorgiamo che queste lingue hanno caratteri affini.
Le lingue germaniche sono una lingua a sé da quelle della famiglia celtica perché hanno una somiglianza storica , sono geneticamente imparentate.
Nelle lingue germaniche non esiste una lingua originaria attestata, allora i linguisti per capire hanno bisogno di ricostruire il punto di partenza originario quindi si ricostruisce il germanico.
Es .
Parola padre:
Gotico fadar
Antico islandese fadir
Anglosassone faeder
Antico alto tedesco fatar
In queste forme ci sono delle somiglianze ma anche delle differenze: in tutti i casi l’iniziale è la f e sulla base della comparazione linguistica per secondo fonema abbiamo una “A”. *fa
Ricostruire la forma che non è attestata serve a capire dove sono avvenuti i cambiamenti nelle lingue attestate.