La filosofia di Kant: Critica della ragion pura e pratica

Appunto inviato da ocia87
/5

Spiegazione della filosofia di Kant: la Critica della ragion pura e la Critica della ragion pratica (4 pagine formato doc)

KANT FILOSOFIA

KANT.

Ha dei nemici:
- Dogmatismo – atteggiamento di coloro che danno per scontato e certo ciò che non lo è (si identifica con la metafisica)
- Scetticismo – il dubitare che si possa arrivare ad una conoscenza certa (è diffuso tra gli empiristi più spinti).

Scrive tre opere che corrispondono a tre domande fondamentali:
1.    CRITICA DELLA RAGION PURA (COSA POSSO SAPERE CON CERTEZZA?)
Si occupa del problema teoretico (vedere con la mente), cioè della conoscenza e della metafisica.
2.    CRITICA DELLA RAGION PRATICA (COSA POSSO FARE?)
Si occupa del problema etico (agire), cioè del concetto del dovere.
3.    CRITICA DEL GIUDIZIO (COSA POSSO SPERARE?)
Si occupa dell’esistenza o meno di Dio (posso sperare che esista, non provarlo)
Chiama tutte e tre le opere critica (giudizio), e per questo la sua filosofia è chiamata criticismo kantiano. Egli usa la ragione per criticare la ragione stessa (la ragione può evidenziare i limiti e le possibilità di sé stessa per essere utilizzata al meglio).
Le possibilità della mente sono chiamate fenomeno, ciò che sta al di là delle possibilità è chiamato noumeno (da nous=intelletto).

Filosofia di Kant: riassunto

KANT FILOSOFIA RIASSUNTO

RAGIONE:
- Facoltà del ragionamento (senso più ampio) – vedi ragion pratica e pura.
- Facoltà della metafisica (senso più ristretto) – aspira ad unificare tutto, alla totalità, ad entrare nel noumeno.
Funziona per idee (illusioni)
INTELLETTO: Facoltà della conoscenza scientifica che ci conduce al mondo fenomenico.
Distingue, analizza, applica le categorie.
Funziona per concetti.
DIALETTICA: Kant la usa per mostrare il fallimento della ragione che vorrebbe conoscere le cose in sé (noumeno) attraverso ragionamenti capziosi (fatti per convincere gli altri ma senza fondamento)
PURO: non mescolato con l’esperienza
A PRIORI: viene prima dell’esperienza e non deriva da essa
TRASCENDENTALE:
- condizione indispensabile dell’esperienza
- ricerca intorno le condizioni del sapere
TRASCENDENTE: oltre l’esperienza

KANT CRITICA DELLA RAGION PURA

CRITICA DELLA RAGION PURA
Anche Kant cerca di dare una risposta al problema gnoseologico allora in voga.
Questo problema può essere spiegato con 3 domande:
Posso arrivare ad un sapere certo (che non si può mettere in dubbio), rigoroso (preciso), universale (che vale in ogni tempo e luogo), necessario (che non potrebbe essere diverso)?
Per Kant la scienza (fisica e matematica) è un sapere certo, non probabile come per Hume.
E’ possibile la metafisica come scienza?
Com’è possibile la scienza?
Kant analizza le proposizioni (giudizi) usati dalla scienza per vedere com’è costruita e come funziona.

.