La filosofia di Spinoza

Appunto inviato da axel05
/5

Analisi dettagliata dei temi che caratterizzano la filosofia di Baruch Spinoza (3 pagine formato doc)

Filosofia - Spinoza(1632-1677)


Le fonti e il contesto storico


  • Nel pensierio di Spinoza -la cui tesi centrale è l'identificazione panteistica del Dio-natura- convergono temi e motivi appartenenti alle culture più disparate: la critica ha individuato come fonti principali la teologia giudaico-cristiana, la filosofia neoplatonico-naturalistica del Rinascimento e il razionalismo cartesiano.
  • Da qui nasce l'impossibilità di ridurre lo spinozismo alle sue fonti o ad una di esse; alla serie di fonti citate precedentemente bisogna poi aggiungere la rivoluzione scientifica, che non essendo una fonte in senso stretto, rappresenta il retroterra mentale e culturale indispensabile per comprendere il concetto spinoziano del dio-natura.
  • La sintesi fra la tradizionale visione metafisico-teologica del mondo e gli esiti della nuova scienza fa nascere l'idea del concetto di Dio come ordine geometrico del mondo.

La filosofia come catarsi esistenziale e intellettuale


  • Nel 1661 Spinoza pubblica il trattato sull'emendazione dell'intelletto, che è stato considerato dai critici come una sorta "discorso sul metodo" spinoziano, parallelo a quello di Cartesio.
  • Ma in realtà in questo scritto Spinoza rivela una concezione della filosofia come via verso la salvezza esistenziale che va ben oltre le preoccupazioni prevalentemente metodologiche di Cartesio.
  • Infatti lo spinozismo nasce da una delusione di fondo nei confronti dei comuni valori della vita e si alimenta della ricerca di un bene vero, capace di dare un significato esistenziale e di colmare la sensazione di infelicità: Spinoza fa comprendere chiaramente come i beni universalmente agognati dagli uomini siano in realtà vani:
      1. non appagano veramente l'animo e suoi bisogni profondi
      2. sono transeunti ed esteriori
      3. generano perlopiù inquietudini e inconvenienti vari
  • Però, nonostante questa loro natura ingannevole hanno la forza di incatenare la mente, oscurandone le facoltà e ostacolando la ricerca di valori superiori.
  • tuttavia il filosofo non condanna i beni finiti ma solo una loro relativizzazione in vista di qualcosa più alto.
.