Galileo Galilei

Appunto inviato da fedeciow
/5

Note che sintetizzano il pensiero del celebre filosofo e scienziato italiano (2 pagine formato doc)

Galilei: scienza e fede

Galileo segna una linea di confine tra proposizioni scientifiche e proposizioni di fede reclamando l'autonomia delle conoscenze scientifiche le quali si provano e si valutano attraverso un insieme di regole che fanno parte del metodo sperimentale (Galileo precisamente le definisce sensate esperienze e certe dimostrazioni).

Secondo Galileo le preposizioni di fede riguardano la nostra salvezza come si va al cielo e non come va il cielo per Galileo che si appoggia a sant'Agostino, gli autori delle sacre scritture non ci hanno fornito informazioni sulle stelle, sui loro movimenti se ne sono astenuti, non è loro materia.


Dio ci ha fornito di intelletto, sensi o discorso proprio per arrivare attraverso sensate esperienze o necessarie dimostrazioni alle conclusioni naturali.
Tutto ciò che deriva dalle sensate esperienze e necessarie dimostrazioni non è oggetto delle sacre scritture. Le proposizioni di fede dunque che sono sacre e inviolabili si occupano solo della salvezza dell'uomo, per tanto essendo scienza e fede incommensurabili cioè prive di termini di paragone, non paragonabili, sono compatibili, non si tratta di un aut/aut ma di un et/et, cioè possono coesistere.

Scienza: si basa su un discorso empirico controllabile, il cui obiettivo è farci capire come funziona il mondo. Il discorso religioso invece è un discroso di salvezza, dunque alla fede non interessa il che cosa ma il senso delle cose e della nostra vita.