David Hume: pensiero filosofico

Appunto inviato da
/5

Riassunto del pensiero del filosofo David Hume (3 pagine formato doc)

DAVID HUME: PENSIERO

Il carattere innovativo di Hume corrisponde all’applicazione del metodo sperimentale nello studio della natura umana, riferendo all’esperienza le ricerche in campo umano.

Per questo motivo Hume fa parte della “nuova filosofia inglese” che ha un andamento umanistico e che si propone una fondazione della morale basata sull’osservazione piuttosto che su principi a priori. Questa filosofia assegna il primato al sentimento (facoltà dello spirito umano).
DOTTRINA GNOSEOLOGICA: Hume, da buon empirista, parte dalla percezione intesa come il fondamento primario del rapporto con la realtà, poiché è cosa chiara per se stessa.
Le percezioni sono alla base di tutte le conoscenze, niente è presente nella nostra mente, se non le percezioni.Le percezioni si possono dividere in:
•    IMPRESSIONI: consistono nel provare passioni o emozioni e nell’avere determinate immagini sensibili. Sono percezioni vivaci e forti e colpiscono con maggior forza e violenza la nostra mente.
•    IDEE: consistono nel riflettere sensazioni, emozioni o passioni già provate. Sono percezioni più pallide e deboli, sono le immagini illanguidite delle impressioni. Le idee sono il riflesso indebolito delle impressioni.

David Hume: pensiero sulla natura e sull'essere

DAVID HUME FILOSOFIA

Tra le due percezioni esiste una relazione di somiglianza e corrispondenza, in cui le impressioni costituiscono la causa delle idee: tutte le idee prodotte dalla nostra mente, anche le più bizzarre sono una copia di un’impressione di cui si era fatto esperienza precedentemente. Su questo rapporto di dipendenza tra le idee e le impressioni, Hume formula il “criterio di verificazione” che è un criterio di tipo descrittivo secondo cui tutte le idee devono per forza di cose corrispondere a delle impressioni e se un’idea sembra ambigua e non ha un’impressione corrispondente, si potrà dire che quell’idea è priva di significato.
SENSO DEL LIMITE: il filosofo si domanda quale sia la causa ultima delle nostre sensazioni, delle nostre impressioni. La risposta non è data, Hume afferma che la soluzione è inesplicabile per la ragione umana, ma sostiene anche che la risposta non ha grande importanza poiché per costruire “una scienza della natura umana” ci si DEVE LIMITARE A CONOSCERE ciò che si può attestare con i sensi, evitando ogni ipotesi metafisica.

David Hume: riassunto

HUME SCETTICISMO

Per questo motivo Hume confuta le risposte che altri filosofi avevano dato a questo problema, definendo tali soluzioni piene di incertezza e scetticismo (Cartesio, Hobbes, Malebranche).  Lo scozzese conclude affermando che quando si parla della realtà del mondo naturale e umano, è necessario partire sempre da conoscenze di fatto (matter of fact) il cui valore è sempre probabile e mai assoluto.

PRINCIPIO DI ASSOCIAZIONE: le idee conservano e riproducono le impressioni attraverso:
- MEMORIA che conserva le impressioni nella loro forma originale mantenendo forza e vivacità.
- IMMAGINAZIONE che è un’attività produttiva che permette di mescolare, trasportare e comporre le idee, svolgendo quindi un’attività di analisi e di sintesi. Questa attività è il potere creativo della mente e il legame che stabilisce tra le idee non è indissolubile come quello della memoria a causa della sua maggiore vicinanza al mondo delle impressioni. L’immaginazione è guidata da un principio universale uniforme in tutti i tempi e i luoghi cosicché le sue operazioni procedono con metodo regolarità.