Nietzsche: pensiero del filosofo tedesco

Appunto inviato da lexis
/5

Descrizione del pensiero filosofico di Nietzsche: pensiero sul superuomo, il nichilismo, la volontà di potenza, origine della morale e distinzione fra dionisiaco e apollineo (5 pagine formato doc)

NIETZSCHE: PENSIERO DEL FILOSOFO TEDESCO

Friedrich Nietzsche è il filosofo con cui comincia la crisi delle certezze, dei valori ed emergono una mancanza di senso nel mondo e un forte sentimento di solitudine nell'uomo.

Nietzsche riconosce che il mondo non rispecchia i desideri dell'uomo, il mondo è caos. Per questo il filosofo è NICHILISTA, ma dobbiamo in ogni modo prendere in considerazione le accezioni della parola nichilismo, le stesse studiate e individuate da Nietzsche.
1 accezione: nichilismo = VOLONTA' DEL NULLA (da nihil = nulla: niente ha valore assoluto) fuga e disgusto dal mondo reale 2 accezione: nichilismo = SITUAZIONE PSICOLOGICA DELL'UOMO MODERNO, ormai PRIVO DI CERTEZZE e che non crede più in un senso o in un fine metafisico delle cose.


Pensiero di Nietzsche: riassunto di filosofia


NIETZSCHE: PENSIERO IN BREVE

Nietzsche riconosce tre tipi di nichilismo:
NICHILISMO PASSIVO l'uomo si arrende di fronte alle insensatezze della realtà NICHILISMO ATTIVO l'uomo si limita a criticare i valori tradizionali NICHILISMO RADICALE sono criticati i valori tradizionali e proposti di nuovi dal superuomo, colui che deve dare un senso al mondo (questo è il nichilismo di Nietzsche) Con la sua filosofia Nietzsche vuole smascherare la cultura occidentale, i miti, le religioni che l'uomo ha costruito per sopportare meglio il peso della vita (FUNZIONE RIVELATRICE DELLA FILOSOFIA).
Per fare questo egli critica totalmente il Cristianesimo, poiché porta avanti l'ideale della rinuncia, abbandona le illusioni (la vita è caos, non ha senso, ma, al contrario di Schopenhauer, Nietzsche non cerca vie di liberazione dal dolore, ma ACCETTA LA VITA IN QUANTO TALE), afferma che dobbiamo VIVERE NEL PRESENTE, accettando la vita così com'è. Affinché questo avvenga bisogna superare l’uomo comune, coi suoi timori e le sue paure, bisogna diventare UBERMENSCH (SUPERUOMO): è lui che deve dare un significato al mondo affermando nuovi valori che si sostituiscono a quelli tradizionali.

Nietzsche: filosofia e malattia; nazificazione e denazificazione


NIETZSCHE: SUPERUOMO

Il superuomo. Il superuomo è un concetto filosofico con cui Nietzsche esprime il progetto di un nuovo essere caratterizzato da: - forte titanismo morale; - capacità di accettare la vita, di RIFIUTARE LA MORALE TRADIZIONALE e operare una TRASMUTAZIONE DEI VALORI; - capacità di REGGERE LA MORTE DI DIO guardando la realtà senza illusioni metafisiche di alcun tipo e di superare il nichilismo attivo (il suo deve essere radicale); - capacità di collocarsi nella prospettiva dell’ETERNO RITORNO e di porsi come VOLONTA’ DI POTENZA. Il superuomo è colui che deve imporre nuovi valori negando la religione, la metafisica, la scienza e la morale tradizionale.